Sport Biella

Rugby al femminile, fusione con il Liceo Monti di Chieri

Importante novità per il club gialloverde, che anche con le proprie giovani punta alla Serie A. La soddisfazione del presidente Vittorio Musso

Le Under 16 del Biella Ruby (© Biella Rugby)

Le Under 16 del Biella Ruby (© Biella Rugby)

BIELLA - Nelle intenzioni di una squadra c'è sempre quella di migliorarsi stagione dopo stagione, per puntare a successi a livello nazionale. Per questo motivo la società biellese ha iniziato un percorso di crescita differente rispetto gli anni passati: proprio in queste ultime settimane i rappresentati del Biella Rugby infatti, hanno avuto un importante incontro con la dirigenza della squadra femminile del Liceo Monti di Chieri, una delle più importanti formazioni a livello regionale. Incontro con che fine? Come detto, la società biellese ha iniziato a pensare in ottica futura con un'altra visione. Il club ha obiettivi chiari, portare la squadra femminile della Seniores ad essere competitiva non solo a livello distrettuale, ma anche a livello nazionale, per ambire alla tanto sognata Serie A.

Fusione
Per raggiungere traguardi così ambiti è necessario ampliare la rosa con innesti di qualità, diminuendo di conseguenza il gap tecnico con le altre squadre. Ecco spiegato il motivo dell'incontro avvenuto tra le due società: le due dirigenze, visti gli sviluppi e il progresso delle due squadre, ma anche il numero ristretto di giocatrici in rosa, hanno deciso di associarsi, creando una "fusione" tra i due team. E' stata fondata quindi una nuova squadra, composta dalle ragazze seniores di Biella e di Chieri: una scelta voluta da tutte e due le parti, ma al contempo ambiziosa. 

Primo test
Proprio domenica, abbiamo avuto la possibilità di vedere per la prima volta in campo la "nuova" squadra in un concentramento contro le formazioni del Rivoli, del Novara e della Dynamo Dora: le aspettative non sono state di certo deluse, visto le vittorie arrivate per 7-3 su Rivoli, per 8-0 sulla Dynamo Dora e per 14-0 contro Novara. Buona la prima insomma, per un nuovo gruppo che, con la forza e la grinta delle ragazze biellesi e la tecnica del gruppo torinese, può iniziare a sognare in grande.

Il presidente Vittorio Musso
«ll rugby femminile è in forte evoluzione, anche se i numeri non sono ancora paragonabili a quello maschile, come è evidente la forte crescita del livello del rugby femminile italiano nelle competizioni internazionali. A Biella abbiamo una giocatrice come Alessia Gronda, quest’anno convocata in Nazionale per la prima volta, ci è sembrato giusto dare a lei e alle sue compagne l’opportunità di crescita che meritano - ha detto il primo dirigente del club -. La società si è attivata per accelerare i tempi e creare la squadra più competitiva possibile con le risorse a disposizione. Il Rugby Monti tessera giocatrici molto forti, ma i numeri risicati, talvolta non consentivano loro di prendere parte alle competizioni. Da qui l’incontro tra le dirigenze e la decisione di unirci. Le giocatrici del Liceo Monti sono in prestito al Biella Rugby, per lasciare alle ragazze la massima libertà di scelta, ma la direzione tecnica, organizzativa e logistica del team è interamente affidata al Biella Rugby. Con una squadra competitiva, ora sarà possibile pensare in grande, naturalmente facendo un passo alla volta».

di NICOLO' AIAZZONE