23 maggio 2017
Aggiornato 01:00
Cronaca Biella

Netro: ancora piromani in azione

Sul posto i volontari dell'Aib che rischiano la loro incolumità per spegnere i roghi notturni.

NETRO - Ennesimo incendio appiccato dall'uomo ed ennesimi ettari di vegetazione andati in cenere. Le fiamme, in questa occasione, si sono sviluppate sempre in località Tracciolino, nel territorio del comune di Netro. A dare l'allarme, oltre che a intervenire, sono stati gli stessi volontari dell'Antincendiboschivi, che hanno visto nella notte, erano da poco passate le 23, il baluginio dei roghi. Sul posto si sono portate immediatamente due squadre, mentre una terza veniva approntata e mandata a Netro dal responsabile Aib, Rodolfo Gilardi. Le operazioni di spegnimento sono andate avanti fin quasi all'alba.

Il responsabile
«L'incendio era molto basso - spiega Gilardi - e quindi pericoloso. Fortunatamente siamo riusciti a bloccarlo. Ad andare bruciati sono stati un prato e parte di un bosco, anche perchè il resto è già tutto in cenere». Oggi, i volontari Aib torneranno in montagna per i servizi di pattugliamento. La vegetazione secca e il vento in quota stanno infatti favorendo, in questi giorni, i piromani. Soggetti che non si rendono conto che, oltre a devastare l'ambiente, causando danni incalcolabili, mettono a repentaglio anche la vita di chi si prodiga nello spegnimento.«Per i volontari - conclude Rodolfo Gilardi - è difficile muoversi al buoio. Se c'è luna piena si può fare a meno delle torce e ci si muove bene. Quando è buio, però, il rischio è alto e le zone più impervie sono difficili da raggiungere. Pertanto occorre attendere l'alba e intanto il fuoco continua a fare danni».