23 giugno 2017
Aggiornato 10:30
Calcio e violenza

Il figlio non può giocare la partitella, papà picchia il dirigente

I fatti sono di qualche giorno fa. Alla garetta di sabato il piccolo non avrebbe potuto partecipare, il genitore perde la testa e manda all'ospedale il rivale

Immagini di repertorio (© Diario di Biella)

BIELLA - Incredibile, ma vero. Ennesimo episodio di violenza, infatti, legato al mondo del calcio. A destare scalpore, però, è la categoria di cui si parla: i pulcini... A rovinare una giornata di sport, un papà, a di troppo esuberante.

I fatti
Un dirigente sportivo del Vigliano Calcio chiede la disponibilità dei bambini e delle rispettive famiglie per una partita da giocarsi sabato. Un genitore ha però degli impegni, quindi impossibilitato ad accompagnare il piccolo. Nasce una discussione, sempre più accesa. Ad un certo punto l'uomo spinge il dirigente contro una staccionata, costringendolo a delle medicazioni al Pronto soccorso per le ferite. Il fatto è avvenuto l'altra sera, a Gaglianico, a conclusione del torneo denominato Lauretana Cup. La vittima dell'aggressione è Augusto Zorzan, conosciuto e stimato in paese e nell'ambiente. La vicenda molto probabilmente avrà strascichi giudiziari, anche se il dirigente ha cercato di tranquillizzare tutti sulle sue condizioni di salute, per non alimentare polemiche.