25 giugno 2017
Aggiornato 09:00
Eventi

Fare Territorio: con il Fai alla scoperta di luoghi e persone del Biellese

Francesca Chiorino della delegazione Fai di Biella ci ha raccontato la serie di incontri volti a conoscere posti, mestieri e prodotti particolari e anche un po' nascosti delle nostre valli.

BIELLA - Fare territorio è la proposta delegazione del Fai di Biella che dal 1 settembre ogni giovedì organizzerà un ciclo di sette incontri, in luoghi diversi del territorio biellese alla scoperta di persone che, attraverso la loro attività, contribuiscono a creare un sostrato culturale e produttivo che attrae attenzioni dall'esterno. Le visite, sempre guidate dai protagonisti, prevedono aperture speciali, per soli iscritti Fai e per gruppi limitati di persone.

I giovedì di Fare Territorio
La prima apertura sarà il primo settembre con Anna Zegna che accompagnerà i visitatori alla scoperta dei giardini privati di famiglia a Trivero disegnati dall'illustre paesaggista Pietro Porcinai in concomitanza con la mostra Pietro Porcinai a Trivero. Giardini e paesaggio tra pubblico e privato. Segue, l'8 settembre, la visita del giardino privato della scrittrice e paesaggista Elena Accati e del fitopatologo Angelo Garibaldi a Bariola, in valle Cervo. Il 15 settembre, ancora in Vale Cervo, a Rialmosso, i visitatori incontreranno Maurizio Foti, allievo di Carlo Raspagni, che nella sua bottega-laboratorio in un'antica casa del paese, costruisce nel silenzio e nella concentrazione chitarre pensate, fin dalle scelte costruttive iniziali, per chi le dovrà suonare. Il 22 settembre, a pochi giorni dalla chiusura de Gli Orti de La Malpenga, che giunge alla sua terza edizione, Ernesto e Caterina Panza di Biumo apriranno le porte della villa La Malpenga, mostrando al pubblico le stanze auliche e alcuni annessi di servizio rimasti perfettamente conservati e funzionali. Il 29 settembre Franco Thedy, amministratore delegato di birra Menabrea s.p.a., illustrerà la produzione della birra all'interno dello stabilimento di Biella e ne svelerà alcuni segreti. Il 6 ottobre a Occhieppo Inferiore Serena e Francesco De Pasquale intratterranno i visitatori all'interno del loro laboratorio di legatoria in cui a strumenti innovativi si alternano caratteri tipografici, strumenti e conoscenze della tradizione libraria. Il ciclo si chiuderà il 13 ottobre con Marco Rizzetti, amministratore delegato di Tenute Sella, che accompagnerà gli ospiti alla scoperta delle cantine Sella a Lessona, raccontandone la storia e il ciclo produttivo.

Alla scoperta dei prodotti tipici con Slow Food
A ciascuno degli incontri è accompagnata una degustazione tipica curata dalla condotta biellese di Slow Food che ha selezionato sette produttori meritevoli. Per ciascuna sede verrà individuata un'eccellenza del territorio fortemente legata all'evento della giornata. «Unire il territorio con i prodotti ad esso strettamente legati è un obiettivo comune che Fai e Slow Food cercano di perseguire unendo le forze – spiega Roberto Costella di Slow Food Biella – Iniziative come queste sono molto importanti per dare visibilità a chi con impegno produce a stetto legame con il territorio. L'auspicio è che questa collaborazione diventi sempre più duratura e continuativa».

Info, prenotazioni e iscrizioni
Le aperture sono esclusive per iscritti Fai e la prenotazione è obbligatoria e avviene on line al sito www.faiprenotazioni.it. Le prenotazioni chiuderanno una settimana prima dell'evento. Tutti gli incontri si svolgono alle 17 e prevedono una degustazione tipica. Il contributo per ogni serata è di 10 euro a persona, accesso libero per i bambini al di sotto dei 12 anni. Per chi, per questa occasione, volesse iscriversi al Fai è possibile farlo attraverso i tre punti Fai della città di Biella: Cittadellarte Fondazione Pistoletto, la Libreri Robin e la biblioteca di Città Studi oppure online al sito: www.fondoambiente.it.