25 giugno 2017
Aggiornato 09:00
Un caffé con

L'ex presidente Scaramal dietro il bancone del bar: «I miei successori pensano solo alla poltrona a Roma»

E' stato primo cittadino di Cossato e alla guida della Provincia di Biella, di cui critica aspramente Ramella Pralungo e Simonetti. Ora aiuta la sua compagna tra colazioni e pause pranzo, a Biella. Il racconto di un politico tra amarezze e successi personali

BIELLA - E' stato sindaco di Cossato per tre volte e presidente provinciale per un mandato. Oggi fa il barista. Un caso più unico che raro, in Italia, dove si fa i politici per tutta la vita. Sergio Scaramal, invece, dichiara, di non aver mai inseguito poltrone e incarichi di prestigio, lavorando per i cittadini che gli hanno dato fiducia. E' stato iscritto al Partito Comunista Italiano e poi nei diversi partiti eredi del partito con la falce e il martello.

Il giardino dove si trova il bar/caffetteria "Interno 21", a Biella

Il giardino dove si trova il bar/caffetteria "Interno 21", a Biella (© Diario di Biella)

Scaramal è stato sindaco di Cossato per tre mandati

Scaramal è stato sindaco di Cossato per tre mandati (© Diario di Biella)

Un momento dell'intervista, con Paolo La Bua

Un momento dell'intervista, con Paolo La Bua (© Diario di Biella)