Comune di Masserano

«Combatto la prostituzione e realizzo un parco giochi»

Il sindaco Sergio Fantone spiega l'ordinanza contro i clienti delle meretrici africane che stazionano lungo le strade del paese. Sono già cinque gli automobilisti sanzionati

MASSERANO - «Con i soldi che incasseremo dalla contravvenzioni voglio realizzare dei lavori per i bambini, nel parco giochi. Nessuna volontà di fare cassa, come qualcuno può pensare. Credo che combattere lo sfruttamento della prostituzione sia un dovere». Così il sindaco Sergio Fantone spiega l'ordinanza che da qualche mese ha prodotto a ben cinque contravvenzioni per clienti che si sono avvicinati alle prostitute presenti giorno e notte in paese.

Pessimo biglietto da visita
«Queste povere donne sfruttate sono, anche, un pessimo biglietto da visita per il Comune di Masserano e per il Biellese - aggiunge il sindaco -. Siamo in primi ad aver prodotto un'ordinanza di questo tipo, in accordo con le forze dell'ordine e la Prefettura. Ma ci siamo ispirati ad altri esperimenti di questo tipo, in Italia. Ricorso? Certo, è possibile. Noi puntiamo soprattutto ad un effetto di deterrenza».

Carabinieri
«Sono soprattutto i carabinieri ad aiutare il Comune - conclude il sindaco -. Perché noi abbiamo un solo vigile urbano. Il numero di queste povere donne lungo le strade è variabile: da due o tre, a dieci e anche di più. Sono presenti sia al mattino sia al pomeriggio».