25 giugno 2017
Aggiornato 09:00
Biella

«Telecamere di sicurezza. La sinistra di Biella si svegli»

Fratelli d'Italia chiede misure adeguate per il centro cittadino, tra degrado e persone problematiche. Tra le richieste, occhi elettronici per aiutare le forze dell'ordine

BIELLA - Il tema della sicurezza torna al centro del dibattito politico. Avviene grazie ad un'interrogazione di Fratelli d'Italia, che questa mattina hanno presentato alla stampa il contenuto del documento. In pratica il partito di Giorgia Meloni chiede misure contro il degrado che ha il proprio epicentro molte volte nella zona dei giardini Zumaglini. E non a caso il presidente Andrea Delmastro e altri militanti, questa mattina, hanno scelto gli spazi tra supermercato Esselunga e area verde per far conoscere il proprio pensiero.

Il documento
Il testo riprende tutta una serie di fatti di micro-criminalità e degrado avvenuti negli ultimi tempi in centro, per chiedere al sindaco Marco Cavicchioli quali provvedimenti sia intenzione dell'amministrazione mettere in campo per contrastare i soggetti che spesso infastidiscono passanti o clienti del centro commerciale. Da qui la richiesta di telecamere, non solo per chi non smaltisce i rifiuti correttamente. In questo senso, i toni sono molto duri nei confronti della modalità di raccolta dei rifiuti: definita senza mezzi termini «fallimentare».

La polemica
Tra i diversi passaggi, anche la richiesta di chiarimenti sul fatto che l'ordinanza a tutela del decoro, della sicurezza pubblica e dell'ordine pubblico  in passato emanate siano davvero state fatte scadere. Inoltre, c'è l'appello a credere un vero e proprio Fondo per la Sicurezza, suggerendo una cifra minima di 100 mila euro.