2 giugno 2020
Aggiornato 17:30
Curiosità

La cucina sofistica di Valentina Pozzato conquista Masterchef

Una biellese tra i 20 finalisti dello show culinario più amato.

BIELLA - Determinata, ambiziosa, concreta. Si definisce così Valentina Pozzato, infermiera ventinovenne di Biella che la sera di Natale ha realizzato il sogno di migliaia di cuochi amatoriali: guadagnarsi uno dei 20 grembiuli che danno accesso alla cucina di Masterchef.

Format vincente in mezzo mondo, nella versione italiana in onda su Sky, Masterchef è il programma di cucina per eccellenza, quello che mixando gara e intrattenimento inchioda alla poltrona tanto gli aspiranti cuochi, quanto chi non sa bollire neanche un uovo, ma qui alla fine rischia di imparare come si fa. Partendo dalla regola che non si ammettono professionisti della ristorazione, i tre giudici–gotha del settore Bastianich, Cracco e Barbieri, aprono le porte della loro cucina «magica» ad una manciata di chef amatoriali scelti tra i migliaia in coda ai casting.

A superare le rigide selezioni della quarta edizione anche Valentina, giovane tenace che sogna di aprire un ristorante, si dichiara affine alla cucina dello chef Bruno Barbieri, ma confessa di ispirarsi soprattutto agli insegnamenti del nonno, il primo che l'ha condotta tra i fornelli. L'infermiera biellese ha conquistato i tre chef con una «caprese rivisitata», con ingrediente principe la mozzarella di bufala, fedele alla sua idea di cucina: creativa, minimalista e sofisticata, basata sul rispetto degli ingredienti e del loro sapore originario. Un piatto raffinato che potrebbe entrare a sorpresa in qualche menù di Capodanno, tanto per svecchiare le abitudini, e aggiungere un tocco fresco al «peso» delle pietanze natalizie. E se riesce bene, da giovedì 1 gennaio ci saranno due buoni motivi in più per appassionarsi a Masterchef: tifare per Valentina - come faranno il fidanzato e il suo fido cagnetto -  e provare le sue ricette.