21 novembre 2019
Aggiornato 19:30
Solidarietà dai giovani padani

Moscarola, esposto in Procura

Il consigliere aveva usato frasi colorite su Internet, dopo la bocciatura del referendum sulla «legge Fornero»

BIELLA - Il movimento «Giovani Padani della Lega Nord» di Biella prende posizione in merito alla questione del «post» del consigliere comunale Giacomo Moscarola e della bocciatura della «legge Fornero». «Esprimiamo solidarietà a Giacomo Moscarola, accusato di vilipendio delle istituzioni per un commento su un social network contro la bocciatura da parte della corte costituzionale del referendum proposto dalla Lega Nord per cancellare la riforma Fornero sulle pensioni - si legge in un comunicato -.Siamo arrivati ad un nuovo culmine dell’assurdo: milioni di cittadini sono stati privati del diritto di votare il referendum sulla scellerata 'Legge Fornero', per il quale la Lega Nord ha raccolto oltre 600.000 firme in 3 mesi, e c’è chi invece di arrabbiarsi con un sistema fortemente politicizzato e dannoso, segnala un 'post' un po’ colorito scaturito dalla rabbia e dall’indignazione dopo la sentenza della Corte Costituzionale. Ci teniamo a ricordare che il tema pensioni interessa tutti i cittadini, però solo la Lega Nord votò contro la 'riforma Fornero' e oggi sempre solo la Lega Nord cerca di fare qualcosa per cancellare quella pessima legge».

«Noi Giovani Padani vediamo il nostro futuro molto incerto e di certo non così entusiasmante come ci vuole far credere Renzi, e il rifiuto del Pd a cancellare la 'legge Fornero', anzi quasi la gioia dello scampato pericolo dell’indizione del referendum, ci portano sempre più a pensare quello che ha scritto Moscarola - si legge ancora - invece di preoccuparsi dei problemi seri dei cittadini, dai lavoratori ai disoccupati, dai giovani agli esodati ci sono politici che si preoccupano di più di un possibile aumento di consenso della Lega Nord».