9 dicembre 2019
Aggiornato 10:30
Cultura

Pistoletto: «L’arte sia sociale»

Il maestro biellese invitato a Bologna per l'inaugurazione di «Arte Fiera»: «Portare l’arte sia nell’economia artistica sia nell’economia sociale»

BIELLA - Un’arte che non guardi solo «all’economia artistica» ma anche a quella sociale. E appuntamenti come «Arte Fiera» dovrebbero sviluppare «questa doppia possibilità. Di essere arte per l’arte e arte per la società». A dirlo è Michelangelo Pistoletto, ospite d’onore dell’inaugurazione del salone bolognese e tra gli artisti contemporanei più quotati presenti nei padiglioni.

Arte dia sopravvivenza
«L’arte - ha detto a margine del taglio del nastro - deve portare una possibilità di sopravvivenza agli artisti, questo è fondamentale. Le gallerie hanno un ruolo primario in questo senso. Le gallerie rischiano insieme agli artisti, poi ci sono tutte le altre attività periferiche ma importanti come la comunicazione. Bisogna che resista l’arte, ma che gli artisti, oltre a fare prodotti personali, cerchino di introdurre la loro capacità trasformativa e di attività di impegno anche nel mondo. Portare l’arte sia nell’economia artistica sia nell’economia sociale. L’arte può avere un ruolo molto forte, e bisognerebbe che fiere come queste sviluppassero questa doppia possibilità. Di essere arte per l'arte e arte per la società».

Artisti e utilità sociale
Quanto a un ruolo sociale perduto per gli artisti delle nuove generazioni, per Pistoletto questo non è del tutto vero: «Ci sono tanti artisti nel mondo che cercano di essere utili oltre che a se stessi anche agli altri. Ma è chiaro è più forte il faro dell’economia, il faro della speculazione che non la luce che si allarga intorno all'arte per andare a muovere la società». Per questo, ha ricordato il progetto portato avanti a Biella da Cittadellarte-Fondazione Pistoletto, istituita nel 1998 come attuazione concreta del Manifesto Progetto Arte, con il quale ha proposto un nuovo ruolo per l’artista: quello di porre l’arte in diretta interazione con tutti gli ambiti dell’attività umana che formano la società: «Noi cerchiamo di portare questo faro ad allargarsi, a far sì che l’arte arrivi a toccare la società. Gli artisti non devono soltanto pensare di guadagnare con l’arte. Possono anche guadagnare facendo qualcos’altro, oppure oltre al guadagno con l’arte devono pensare a fare qualche cosa che sia utile al mondo».