25 luglio 2021
Aggiornato 22:00
Biella-Piazzo

Funicolare, ottimismo da Roma

Cavicchioli nella capitale. Collegamento funzionante per «Expo 2015» e «Passione»

BIELLA - C’è ottimismo dopo l’incontro di venerdì scorso, a Roma, per il destino della Funicolare che collega la parte bassa a quella alta della città: la delegazione biellese, formata dal sindaco Marco Cavicchioli, dall'assessore ai trasporti Stefano La Malfa, dal responsabile dell'ufficio tecnico Graziano Patergnani e dal direttore  di esercizio dell'impianto Marco Petrella, ha incontrato al Ministero dei Lavori Pubblici il direttore per il trasporto pubblico locale Virginio Di Giambattista.

«Gli abbiamo spiegato la situazione legata alla scadenza tecnica di maggio - spiega Marco Cavicchioli - e l'esigenza di poter continuare a far funzionare la Funicolare ancora per qualche mese, nell'estate di Expo 2015 e della Passione di Sordevolo. Il dirigente si è mostrato comprensivo verso la nostra istanza: secondo il Ministero l'Expo può essere considerata una valida ragione per ottenere una proroga straordinaria. Ora spetta a noi predisporre i documenti necessari per chiedere ufficialmente qualche mese in più prima dello stop lungo reso necessario dalla revisione ventennale».

La documentazione tecnica è già stata in parte predisposta. Una volta integrata, sarà spedita a Roma per mandare avanti la pratica. «I tempi tecnici ci sono - sottolinea Cavicchioli -. Salvo imprevisti seri, gli interventi di manutenzione comunque da compiere per poter vedere la Funicolare in funzione in estate e in autunno dovrebbero essere terminati tra l'ultima settimana di aprile e la prima di maggio». L'Expo sarà inaugurata a Milano il 1 maggio per chiudere il 31 ottobre, mentre la Passione di Sordevolo, l'altro evento che dovrebbe attirare un buon numero di turisti in provincia, sarà in scena da giugno a settembre. Nella seconda metà dell'autunno, secondo i progetti del Comune, dovrebbe partire la revisione vera e propria, prevista alla scadenza dei vent'anni, con la scelta tra il ripristino dell'impianto a fune attuale o la sostituzione con il meccanismo di un ascensore inclinato.