28 marzo 2020
Aggiornato 11:00
Vita notturna

Viverone: il sindaco minaccia di mettere fine alla movida

Il primo cittadino Renzo Carisio ha dichiarato di essere stanco della poca collaborazione da parte dei gestori dei locali, e ha indetto un incontro con i gestori per decidere il da farsi

VIVERONE – Viverone potrebbe dover dire addio alla movida. Il sindaco Renzo Carisio, intervistato da La sentinella del Canavese, ha spiegato: «Avevo chiesto collaborazione ai proprietari dei locali a inizio stagione. Diciamo che non tutti collaborano: vorrà dire che ci incontreremo di nuovo a settembre per decidere cosa fare nel 2016». Alla domanda se intende imporre ai tanti locali che affacciano sul lago di abbassare le serrande, ha risposto: «Non vorrei arrivare a fare come Torino, però...».

Secondo il primo cittadino troppi giovani non rispettano le basilari regole del vivere civile, spaccando bottiglie per terra, urlando o tenendo musica alta fino alle 5 del mattino. Se tutto ciò non bastasse qualcuno esagera ancora di più, con atti che spesso sfociano nel vandalismo. Per quanto riguarda i locali pubblici invece il problema è la musica troppo alta tra mezzanotte e le due, che disturba il sonno dei residenti, ma alcuni gestori non spengono le casse nemmeno dopo le 2 del mattino, quando dovrebbero farlo.