9 dicembre 2019
Aggiornato 11:00
Comune di Biella

Vertice in Questura sulla sicurezza. "Ma non ci sono emergenze"

Il tema sono i giardini Zumaglini. L'assessore comunale La Malfa: problemi seri, sbagliato però creare allarmismi

BIELLA – Oggi pomeriggio il sindaco e il questore della città si incontreranno per fare il punto della situazione sui giardini Zumaglini, teatro di molte polemiche politiche e qualche problema nelle scorse settimana. Sarà presente anche l'assessore Stefano La Malfa, che ha la delega comunale alla polizia municipale.

IL PUNTO – "Non è corretto parlare di emergenza. Né per quanto riguarda la presenza di stranieri. Né per l'abituale permanenza nell'area verde di persone, diciamo così, problematiche – sostiene La Malfa -. Certo, nelle scorse settimane le due vicende si sono sovrapposte. E qualche cittadino s'è lamentato. Però parliamo di una decina di stranieri (di nazionalità pakistana) che hanno dormito all'interno del parco per alcune notti e delle solite persone che purtroppo non hanno nulla da fare e stazionano dentro o nei pressi degli Zumaglini. Problemi da affrontare seriamente, ma non emergenze che debbano togliere il sonno ai cittadini. Questo per quanto riguarda il discorso sicurezza pubblica. Diverso è ovviamente l'approccio umanitario e sociale che va dato a queste vicende".

LA LEGA – "Trovo sbagliate le polemiche della Lega Nord, quasi a sostenere che i problemi degli Zumaglini esistono solo da quando ci siamo noi – dice ancora La Malfa -. Mentre è verità storica che certe situazioni di marginalità sociale e degrado esistono da sempre. Ricordo quando ero ragazzo, negli anni Ottanta: già si discuteva di criticità analoghe. E non mi pare che con la giunta Gentile non ci fossero persone che dormivano sulle panchine o bighellonavano in giro... Tra l'altro le forze dell'ordine stano presidiando molto la zona, a testimonianza che, comunque, la denuncia dei rappresentanti della Lega Nord è stata presa sul serio. Ma i riscontri oggettivi dicono altro rispetto ai toni usati da loro".

PATTUGLIE – Carabinieri, polizia e vigili urbani in effetti sono molto presenti nella zona. Tutti i residenti se ne sono accorti. "Le segnalazioni che arrivano dai vigili – spiega La Malfa – confermano quanto detto. Al mattino la situazione è molto tranquilla. Mentre al pomeriggio, per il caldo o altro, la presenza di persone diciamo così problematiche aumenta. Di notte non ci sono persone che dormono nel parco o situazioni d'illegalità. Per altro non risultano dinamiche di prostituzione, come invece avveniva in passato sia agli Zumaglini sia in via Lamarmora. Tutto a posto? No. Però è sbagliato gridare all'emergenza. E soprattutto accusarci di non aver affrontato il tutto".