9 agosto 2020
Aggiornato 22:00
Biella in Parlamento

Favero: «Difendiamo il territorio... Ma pronti a qualche rinuncia»

Addio alla Prefettura. Presto anche alla Questura? L'impegno del senatore del Partito Democratico: «margini di manovra, sicurezza del territorio prioritaria»

BIELLA - «Bisogna trovare un equilibrio tra le esigenze del territorio e le riforme imposte dalla legge. Sono ottimista sul fatto che ci siano margini di manovra per ottenere dei risultati di mediazione». Parole di Nicoletta Favero, senatore biellese, che non si lascia scoraggiare dagli annunci di tagli delle Prefetture in giro per l'Italia, che ovviamente riguarderebbe anche la provincia biellese. La notizia è poi stata accompagnata da altri possibili colpi per il territorio: addio alla Questura? addio alla caserma dei vigili del fuoco?

La sicurezza del territorio è prioritaria
«La sicurezza del territorio non può essere messa in discussione - dice la parlamentare, eletta nel Partito democratico -. E' vero che il nostro territorio resta sicuro ed al riparo da organizzazioni criminali organizzate. Tuttavia non si può certo smantellare un sistema che, probabilmente, ha appunto contribuito a tenere lontani da qui gruppi strutturati di criminali. E poi, pensando ai vigili del fuoco, sarebbe assurdo togliere presidi in un territorio che ha molte aziende a rischio incendi. Detto ciò, bisogna comunque ragionare in termini di quadrante. E penso all'ospedale... Che non è più solo l'ospedale dei biellesi ma anche di molti piemontesi... Non voglio dire che non ci siano margini di trattativa per difendere questi presidi ma certo in un contesto di risparmi e di riforme che riguardano tutti. E anche noi dobbiamo fare la nostra parte».

L'unione fa la forza
«Il mio impegno a Roma sarà massimo. Parlerò con ministri e sottosegretari - conclude l'ex assessore comunale di Biella -. E soprattutto mi confronterò con i colleghi parlamentari. Tutti. Da quelli del Pd a Simonetti (la polemica). E' il nostro dovere. E' il nostro compito».