26 luglio 2021
Aggiornato 23:00
Comune

Biella dice no alle barriere architettoniche. Piano da 100 mila euro

Ricostituita la commissione con realtà istituzionali e associazioni. Presto al via i lavori del piano triennale

BIELLA - Occuparsi di questioni tecniche ma anche di educazione: è questa la missione della commissione barriere architettoniche, ricostituita dopo anni e riunitasi per la prima volta nel pomeriggio di mercoledì scorso a Palazzo Pella. A prendere parte alla seduta, alla presenza dell'assessore ai lavori pubblici Valeria Varnero e della coordinatrice, la consigliere comunale Claudia D'Angelo, sono stati rappresentanti e portavoce di associazioni e istituzioni.

«Vogliamo far sì che Biella sia davvero una città aperta a tutti - ha spiegato Valeria Varnero, aggiungendo che i prossimi interventi sull'abbattimento delle barriere architettoniche, già messi in preventivo nel piano triennale delle opere pubbliche per il 2016 e il 2017, saranno studiati proprio in seno alla commissione -. Per il 2015 sono stati stanziati 100 mila euro. I lavori partiranno a breve». La commissione si riunirà periodicamente, con cadenza mensile, per entrare nel dettaglio delle questioni fin dall'incontro di novembre.