22 settembre 2019
Aggiornato 10:30
Politica nazionale

Simonetti espulso dalla Camera per quattro giorni

Il leghista biellese: «Un atto grave, liberticida e anti-democratico che la presidente Boldrini, in modo altezzoso e snob, propina a chi, come la Lega, vuole portare nel dibattito della Camera tutto il malessere e il malcontento di migliaia di lavoratori che non possono andare in pensione per le scellerate decisioni dei governi di sinistra»

ROMA - La presidentessa della Camera, Laura Boldrini ha sospeso dai lavori dell'Aula 11 deputati della Lega Nord, fra cui il biellese Roberto Simonetti, per quattro giorni.

Gli esponenti del carroccio sono stati espulsi perché hanno occupato i banchi del governo e hanno esposto dei cartelli di protesta, durante il dibattito sulla legge Fornero lo scorso settembre.

Dura la replica del leghista biellese: «Quattro giorni di espulsione dai lavori parlamentari come sanzione per aver protestato in aula contro il governo. Un atto grave, liberticida e anti-democratico che la presidente Boldrini, in modo altezzoso e snob, propina a chi, come la Lega, vuole portare nel dibattito della Camera tutto il malessere e il malcontento di migliaia di lavoratori che non possono andare in pensione per le scellerate decisioni dei governi di sinistra».