2 giugno 2020
Aggiornato 16:30
La durata sarà di 600 ore, di cui 200 in stage

Corso di formazione per stranieri. Organizza Enaip

Iscrizioni aperte. Il direttore Ghibò: «Da anni mancava un percorso formativo... Queste persone saranno un ponte tra culture diverse»

BIELLA - «Sono anni che nel nostro territorio non viene organizzato un percorso formativo per mediatori interculturali. In questi ultimi anni il Biellese ha conosciuto trasformazioni sociali e fenomeni migratori molto importanti. Da qui la nostra idea, che oggi ha quasi il sapore dell’urgenza». Con queste parole Alberto Ghibò, direttore di Enaip, spiega il contesto in cui è maturata la decisione di organizzare un corso di formazione per mediatori interculturali, aperto ai cittadini stranieri in possesso di titoli scolastici ed accademici adeguati.

La durata sarà di 600 ore, di cui 200 in stage
Le iscrizioni sono aperte e le lezioni inizieranno nelle prossime settimane. I partecipanti dovranno avere il diploma di scuola media superiore o la laurea, con la «dichiarazione di valore». Dovranno inoltre superare delle prove di accertamento delle competenze e un colloquio motivazionale. Sarà accertato il livello di conoscenza della lingua italiana e l’attitudine a lavorare in questo ambito. «L’obiettivo del corso è di far acquisire le competenze utili per assumere la funzione di ponte tra due culture. Inoltre i mediatori dovranno saper svolgere attività di collegamento tra cittadini stranieri e istituzioni, strutture pubbliche, servizi territoriali e operatori italiani in genere - aggiunge Ghibò -. Questo nell’ottica di favorire la migliore integrazione possibile sia in ambito sociale sia in ambito lavorativo».

La filosofia di Enaip
Stranieri che aiutano altri stranieri, insomma. E con molteplici ambiti in cui queste persone, dopo l’adeguata formazione, potranno interagire e lavorare. «I settori in cui pensiamo si possa spendere questo tipo percorso vanno dal socio-assistenziale, al sanitario piuttosto che il giudiziario - dice Giovanna Fulcheri, tutor del corso per Enaip -. Un mediatore può inoltre collaborare con gli insegnanti delle scuole, dell’obbligo o superiori, per facilitare l’inserimento di bambini e ragazzi immigrati. Ma anche nelle aziende private o nella pubblica amministrazione ci sono molte esigenze di persone, che abbiano questo tipo di capacità, alla luce dei numeri sempre più importanti di stranieri e di immigrati presenti nel nostro territorio». Il corso è gratuito e si svolgerà nella sede di Enaip, in via Milano 20, in città. Possono accedervi cittadini stranieri disoccupati, cui verrà rilasciato un attestato di specializzazione.