5 dicembre 2020
Aggiornato 07:00
Verrone

Vigilanza nell'ex Aiazzone per fermare il popolo dei "rave party"

Proprietà dell'area e amministrazione comunale stanno predisponendo un piano contro giovani e giovanissimi dopo i casi dei mesi scorsi

VERRONE - Basta rave. Amministrazione comunale e proprietà dell'immenso sito dell'ex Aiazzone stanno predisponendo un piano per fermare i rave party che tante polemiche hanno creato nel recente passato (2 gli eventi organizzati nello spazio di circa un anno). Gruppo Auchan e immobiliare Accademia hanno infatti assicurato la volontà di far controllare l'immenso spazio che doveva diventare la città del mobile nei sogni di Giorgio Aiazzone, con uomini di un istituto di vigilanza. In una serie di faccia a faccia i proprietari dei circa 22 metri quadrati tra terreni e capannoni hanno assicurato il Comune che provvederanno anche a ripulire il sito e a rendere non facilmente accessibile l'accesso. Proprio la facilità di ingresso per camion e mezzi vari, secondo i carabinieri, è uno dei motivi per cui l'immobile rappresenta un luogo ideale per gli organizzatori di rave party.