26 settembre 2018
Aggiornato 06:00

Reda punta agli Usa

Il lanificio biellese fornirà i propri tessuti a due giovani talenti, gli stilisti dei brand americani Baja Easte Cadet, per le loro collezioni Primavera/Estate 2017 e Autunno/Inverno 2017. L'obbiettivo è fondere l'eccellenza sartoriale del Made in Italy con un approccio urbano e contemporaneo
L'ad di Reda, Ercole Botto Poala e gli stilisti di Baja Easte e Cadet
L'ad di Reda, Ercole Botto Poala e gli stilisti di Baja Easte e Cadet ()

BIELLA – Reda punta agli Usa. Il lanificio biellese fornirà i propri tessuti a due giovani talenti, gli stilisti dei brand americani Baja Easte e Cadet, per le loro collezioni Primavera/Estate 2017 e Autunno/Inverno 2017. La collaborazione è stata annunciata a New York presso la MILK Gallery.

MODA USA PER VALORIZZARE I TESSUTI MADE IN ITALY -  L'amministratore delegato Ercole Botto Poala, ha spiegato a Vogue: «Apprezziamo gli stilisti che interpretano e valorizzano la moda attraverso l’utilizzo dei tessuti. Sia Baja East che Cadet hanno un grande seguito nel mondo fashion, affermando la loro importante presenza nella moda statunitense dove spiccano per lo stile audace, pulito e facilmente riconoscibile». I due stilisti si sono detti entusiasti della collaborazione. Il loro progetto è fondere l'eccellenza sartoriale del Made in Italy con un approccio urbano e contemporaneo, per dare vita a capi lussuosi, innovativi ma anche dal mood rilassato.