16 giugno 2021
Aggiornato 11:30
Cronaca di Biella

Cavicchioli: «Porto la medaglia d'oro nelle scuole e tra i giovani»

Il sindaco spiega l'iniziativa, che parte oggi, a Chiavazza, di mostrare l'alta onorificenza legata alla Resistenza ricevuta dalla città nel 1980 dal presidente Sandro Pertini.

BIELLA - Era un'idea del sindaco Marco Cavicchioli, in occasione del settantesimo anniversario della Liberazione. Oggi viene messa in pratica grazie all'impegno dell'Istituto Storico della Resistenza: la medaglia d'oro, conferita nel 1980 dal presidente della Repubblica Sandro Pertini alla città di Biella, comincia oggi da Chiavazza il suo viaggio nelle scuole elementari e medie della città. Dalle 11 alle 13 il simbolo della lotta partigiana in città, che portò Biella a essere liberata il 24 aprile, prima dell'arrivo delle truppe alleate, sarà al centro di un incontro con gli allievi delle terze della scuola media Nino Costa.

Parla il sindaco
«Con questa medaglia - ha detto il sindaco Marco Cavicchioli, nel video di saluto agli studenti - la Repubblica Italiana ha voluto celebrare l'impegno e il sacrificio delle genti biellesi ed è un ricordo che noi dobbiamo conservare perché chi non ha ricordo del passato è destinato a riviverlo».

Gli altri appuntamenti
Dopo la tappa con i quaranta studenti delle medie di Chiavazza, la medaglia proseguirà il suo viaggio in città, in date ancora da definire, alle primarie del Borgonuovo, del Villaggio La Marmora e Collodi e alle secondarie Salvemini e di via Addis Abeba. Altre date e altre possono aggiungersi nelle prossime settimane. «Avevo sentito parlare di questa medaglia fin da bambino - ha aggiunto il sindaco - e l'ho trovata in una cassaforte di Palazzo Oropa, custodita con ogni attenzione ma senza che le persone potessero toccarla e vederla. E quando penso alle persone, penso soprattutto ai giovani».