24 ottobre 2021
Aggiornato 20:30
Sport

Biella Rugby guarda il 6 Nazioni e pensa a Varese

Turno di riposo per la squadra biellese. Prossimo impegno, in Lombardia

BIELLA - Il torneo 6 Nazioni si concede una pausa e restituisce la scena ai campionati nazionali regolari, anche se solo per una giornata. Il Biella Rugby si prepara ad affrontare la trasferta di Varese, prevista in occasione della tredicesima giornata. In queste due settimane di sosta forzata delle competizioni, gli allenamenti sui campi di via Salvo D’Acquisto sono continuati senza interruzioni ed al momento, tutti gli atleti gialloverdi dimostrano una gran voglia di ritornare in campo per affrontare una ‘partita vera’. Giovedì scorso, gli Orsi si sono concessi un riscaldamento d’eccezione: l’incontro amichevole con il Cus Torino, club che milita nella serie superiore. Buoni i risultati complessivi della prova per i ragazzi di McLean, anche se l’adrenalina che provoca un match di campionato, non è paragonabile a quella degli incontri informali. Il XV a disposizione per la gara di domenica, sarà indicativamente quello sceso in campo a Biella contro Capoterra, ma con un importante ritorno, quello di Filippo Musso, finalmente recuperato dopo l’infortunio al ginocchio avvenuto nella scorsa stagione. Ancora assenti Eftimie, Pizzanelli, Guelpa e Maia.

GLI AVVERSARI  - Varese, neopromosso quest’anno insieme a Novara, occupa il penultimo posto della classifica. Nel girone di andata, a Biella, era riuscito a mettere a segno solo tre punti contro i 21 realizzati dai biellesi. Da accantonare assolutamente, per i nostri, l’idea di ‘vincere facile’ perché il club lombardo, seppur molto giovane ed inesperto, è affiatato e ben organizzato, ne sa qualcosa Lecco, quinto in classifica, che all’undicesima giornata ha vinto di un solo punto: 13-12.

L'ALLENATORE - «I ragazzi non vedono l’ora di tornare a giocare - spiega Callum Roy McLean -. A febbraio è sempre così, si gioca ad intermittenza e se da una parte la cosa è positiva perché la pausa ci concede di recuperare gli infortunati, dall’altra il rischio è quello di perdere la continuità e l’affiatamento che normalmente crescono partita dopo partita. La novità più importante degli ultimi tempi, è il rientro in campo di Filippo Musso. Si è allenato bene in queste settimane, anche al di fuori delle regolari sedute. Non affiderò a lui per il momento il ruolo di capitano, preferisco non caricarlo di troppe responsabilità e Danny Ongarello sta svolgendo il suo compito con grande responsabilità ed equilibrio. Riguardo alla prossima trasferta, mi sento solo di dire ai ragazzi di scendere in campo con l’idea di affrontare un match difficile. E’ vero che in classifica Varese è sotto di noi, ma lo è altrettanto che a Lecco hanno spinto forte fino alla fine». Calcio d’inizio alle ore 14,30.