28 settembre 2020
Aggiornato 18:30
Cronaca di Biella

Azienda sanitaria e lo sciopero generale: prestazioni non urgenti a rischio

Il sindacato Slai Cobas proclama una giornata di sospensione dal lavoro (l'8 marzo) per rivendicare diritti e condizioni migliori di lavoro per le donne

BIELLA - L’8 marzo è stato proclamato lo sciopero generale nazionale in tutti i settori pubblici, privati e cooperativi di tutti i lavoratori a tempo indeterminato, determinato, con contratti precari ed atipici indetto dall'associazione sindacale "Slai Cobas per il Sindacato di Classe». Le motivazioni sono le seguenti: l'astensione dal lavoro riguarda la condizione di lavoro e di vita delle donne; è stata indetta in una piattaforma dal titolo "Affermiamo il "Diritto Disuguale delle donne"" sulla base, tra le altre, delle seguenti motivazioni: riduzione dell'orario di lavoro a parità di salario; aumento delle pause (una ogni 4 ore e almeno di 30 min. l'una), due giorni di riposo alla settimana; riduzione dei ritmi e dei carichi di lavoro; pari salario a pari lavoro; trasformazione a tempo indeterminato dei contratti precari; ulteriori motivazioni. L'Azienda sanitaria locale pertanto, nel corso della giornata, avvisa che potrebbero non essere garantite le prestazioni che non rivestono carattere di urgenza.