25 settembre 2020
Aggiornato 17:30
Premi

Un biellese da un milione di dollari in lizza per l'«Hult Prize»

Marco Trada, insieme al suo team è tra i partecipanti della prestigiosa competizione internazionale

BIELLA - Le «idee che possono cambiare il mondo»? C'è un premio a loro dedicato. Si tratta dello «Hult Prize», una prestigiosa competizione internazionale a cui parteciperà anche uno studente biellese, Marco Trada. Per lui una laurea in Economia aziendale conseguita con l’Università di Torino nel campus di Città Studi di Biella, e ora un Master in Business administration alla Edhec, in Francia e un sogno: aggiudicarsi il premio da un milione di dollari.

La competizione
Sono partiti in 25 mila ed oggi le squadre in gara sono 250. A Londra si terranno le semifinali in cui Marco Trada ed il suo team si confronterà con altre 50 squadre. Il migliore raggiungerà gli Stati Uniti per testare il proprio business plan, in un incubatore di idee. I 5 progetti finalisti, a settembre, verranno poi valutati, a New York, da una giuria di cui farà parte anche Bill Clinton.

Il progetto
Il progetto di Marco Trada riguarderà un’azienda immaginata a Cape Town, in Sud Africa nell’area di Khayelitsha, uno dei quartieri baraccopoli popolato da 2 milioni e mezzo di abitanti. L'idea è quella di creare una microattività sostenibile con possibilità di espansione. Marco Trada fa parte di un team composto da quattro studenti: una ragazza messicana, una ragazza indiana e un ragazzo americano che sono giunti alle finali regionali europee (le altre selezioni si svolgeranno a Shanghai, Dubai, Boston e San Francisco) e già si ritengono soddisfatti. Il loro progetto è stato realizzato mentre era in corso uno scambio in Sudafrica con la Stellenbosch. Attendiamo di sapere se li porterà a New York.