27 settembre 2020
Aggiornato 21:00
Economia

Mattarella assegna a Gildo Zegna il prestigioso Premio Leonardo

L'imprenditore biellese ha ricevuto il riconoscimento per aver contribuito in modo significativo ad affermare e consolidare il Made in Italy nel mondo

BIELLA - Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha assegnato lunedì 7 marzo in Quirinale il prestigioso Premio Leonardo 2015 a Gildo Zegna per aver contribuito in modo significativo ad affermare e consolidare il Made in Italy nel mondo. Il Gruppo Zegna ha la sede storica a Trivero dove si trova il lanificio di famiglia e la maglieria (a Verrone), mentre la confezione ha sede a San Pietro Mosezzo.

La cerimonia
Alla cerimonia hanno presenziato il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, il Presidente di Confindustria Giorgio Squinzi, il Presidente del Comitato Leonardo Luisa Todini e il Presidente dall’Agenzia ICE Riccardo M. Monti nonché numerosi imprenditori e autorità. L'iniziativa è stata promossa dal Comitato Leonardo, che nato nel 1993 dall'idea comune di Sergio Pininfarina, Gianni Agnelli, Confindustria e ICE, conta oggi oltre 150 associati tra personalità e aziende. Ogni anno il Comitato istituisce un Premio Leonardo che viene assegnato, in base alla valutazione di un'ampia e qualificata Giuria, ad una personalità italiana o straniera che abbia concorso in modo significativo ad affermare e promuovere l'immagine dell'Italia nel mondo. Il riconoscimento più autorevole alle iniziative del Comitato Leonardo è dato dall'attenzione e dalla partecipazione del Capo dello Stato.

Gildo Zegna
Imprenditore e manager, dal 1997 è Amministratore Delegato del Gruppo Ermenegildo Zegna. E’ Membro del Comitato Strategico e Consigliere della Camera Nazionale della Moda Italiana, fa parte del Consiglio per le Relazioni fra Italia e Stati Uniti e dell’International Board dello IESE (Business School -University of Navarra, Spagna). Dal 2014 è entrato a far parte del Consiglio di Amministrazione di FCA (Fiat Chrysler Automobiles). Nel 2011 è stato nominato «Cavaliere del Lavoro» dal Presidente della Repubblica italiana.