17 giugno 2019
Aggiornato 19:30
Enti locali

Nessuno (di nuovo) compra l'aeroporto di Cerrione

Enti e istituzioni locali riprovano a disfarsi della struttura. Con 500 mila euro si entra in possesso del 91% della società.
Si calcola che lo scalo di Cerrione dia lavoro ad un centinaio di persone
Si calcola che lo scalo di Cerrione dia lavoro ad un centinaio di persone Shutterstock

BIELLA - L’aeroporto commerciale di Cerrione è in vendita tramite asta pubblica. La Provincia di Biella avvisa che i termini per la presentazione di offerte relative alla partecipazione azionarie di cui al bando di gara pubblicato all'albo pretorio dell'ente in data 15 febbraio 2016 e scaduto il 2 marzo 2016. Considerata l'assenza di offerte valide, sono riaperti fino alle ore 12 del giorno 29 marzo 2016 i termini per entrare in possesso dello scalo. L'importo della cauzione da prestare in sede di offerta è fissato in euro 60 mila euro.

Base d'asta 500.000 euro
La Provincia di Biella, in quanto ente capofila per la procedura, ha indetto una gara a offerte segrete: la base d’asta è di 500.790 euro chi la vincerà con l’offerta più alta si aggiudicherà il 91% del valore della società, diventandone di fatto il proprietario. In questo modo le quote, finora possedute da Finpiemonte, Camera di Commercio di Biella e Vercelli, Provincia di Biella, Comune di Biella, Fondazione Crb, Uib e Banca Sella.