26 aprile 2018
Aggiornato 04:00
Cronaca di Biella

Stranieri presto via dall'ex asilo di Chiavazza

Questione di dieci giorni. Richiedenti asilo spostati in altre strutture della provincia

BIELLA - Sarà completato entro dieci giorni giorni il trasloco dei richiedenti asilo dall’ex scuola di via Coda: in una seduta-lampo svoltasi giovedì 31 marzo, la giunta ha prorogato fino a lunedì 11 aprile la convenzione con la Prefettura per lo stabile di Chiavazza, proprio per consentire di portare a termine lo spostamento degli ospiti nelle altre strutture individuate in provincia con il nuovo bando per l’accoglienza. «La buona notizia - sottolinea il sindaco Marco Cavicchioli - è che i richiedenti asilo troveranno spazi più idonei rispetto alla vecchia scuola elementare di Chiavazza, che concedemmo per senso di responsabilità in un momento di emergenza, ma che non mai stata il luogo più adatto a ospitare un grande numero di persone, così come è accaduto negli ultimi mesi».

Il punto
Dopo un primo periodo in concessione gratuita, il Comune ha incassato, dal settembre 2015, un canone di affitto di 2500 euro mensili per l’uso dello stabile. «L'intenzione ora è che lo stabile non resti vuoto a lungo - aggiunge Francesca Salivotti, assessore ai servizi sociali -. Stiamo già lavorando per garantire un riutilizzo rapido della vecchia scuola con finalità completamente diverse e più adatte alla natura dell’edificio».