22 settembre 2020
Aggiornato 15:00
Scuola

Mensa scolastica: cambia la modalità di pagamento ma le famiglie non lo sanno

Brutta sorpresa per i genitori degli alunni che frequentano le mense scolastiche comunali. I ticket non si acquistano più in Biverbanca ma il comune non ha avvisato

BIELLA – Disagi per pagamento del servizio mensa della scuola primaria cittadina gestito dal comune di Biella e dato in appalto ad una società esterna. Negli scorsi giorni, come di consueto, i genitori degli alunni si sono recati presso gli sportelli Biverbanca per ricaricare il credito per il pagamento del servizio e solo in quel momento hanno scoperto che non era più possibile utilizzare questa modalità.

La scoperta delle famiglie
D'ora in poi sarà possibile procedere solo per via telematica utilizzando il codice Iban della Compass (la società che gestisce la mensa) oppure recarsi presso «Unicredit». Tutto questo è stato scoperto senza che venisse data nessuna comunicazione alle famiglie. Il comune, cerca di rispondere alle innumerevoli proteste affermando di potersi limitare a fare da tramite tra società, banca e famiglie con l'invito a mantenere la calma e piuttosto a sospendere i pagamenti in attesa di conferme e spiegazioni.

Manca la comunicazione
Sono 2.704 i bambini che usufruiscono del servizio mensa: 690 frequentano la scuola dell'infanzia, 1.483 la scuola primaria e 531 la scuola secondaria di primo grado. Per il comune il disguido è spiegato con un problema di ordine tecnico dovuto al cambio della tesoreria comunale che da Biverbanca è passata ad «Unicredit». Dal canto loro i genitori lamentano la totale assenza di comunicazione tra comuni e famiglie.