21 ottobre 2018
Aggiornato 01:00

Video-sorveglianza a Trivero, al via il progetto sicurezza

Accordo tra imprenditori e amministrazione comunale per dotare di impianti elettronici di controllo i punti sensibili del paese

TRIVERO - «Grazie alla collaborazione tra l’amministrazione comunale e gli imprenditori della zona, è stato possibile realizzare un impianto di video-sorveglianza a beneficio dell’intero territorio». Così l’assessore del Comune di Trivero, Gianluca Bassetto, illustra il progetto di prevenzione che sarà posato nei prossimi giorni e che potrà coadiuvare in modo efficace l’azione di controllo delle aree di Trivero e Ponzone. 

Il punto
L’obiettivo dell‘iniziativa è duplice: da un lato, vuole costituire un deterrente per i malintenzionati, e, dall’altro, rappresentare uno strumento utile alle attività delle forze dell’ordine in fase di monitoraggio preventivo ed eventualmente in fase di indagine. Sarà la polizia municipale a farsi carico della gestione della video sorveglianza con il controllo attivo dei dati trasmessi. 

Sicurezza
«Insieme ad altri imprenditori di Trivero e Ponzone – aggiunge Andrea Trabaldo Togna, "portavoce» del gruppo di privati che è stato il motore dell’inizativa - abbiamo deciso di farci parte attiva per il nostro territorio, cercando di dare una risposta concreta all’esigenza di maggiore sicurezza e tranquillità da parte di chi risiede e di chi lavora in queste zone che, per loro conformazione, sono costituite da molte aree isolate. Per questa ragione abbiamo realizzato il progetto di video-sorveglianza d’intesa con il Comune e lo abbiamo donato al paese di Trivero». L’assessore Bassetto continua: «Stiamo definendo i punti in cui saranno posate le telecamere di video-sorveglianza, che saranno presto attivate. A questo proposito ringrazio le parrocchie del Triverese che permettono la posa delle antenne sui campanili al fine di inviare i segnali fra le telecamere e la postazione presso gli uffici dei vigili urbani, dove verranno installati i monitor e il server».