29 giugno 2017
Aggiornato 09:00
Tennis

Il grande tennis torna a Biella... Da sabato emozioni ai Faggi

Monte premi stellare (100 mila dollari) e nomi importanti per un torneo che si candida ai vertici nazionali. Wild card assegnata dall’organizzazione a Paolo Lorenzi (numero 2 d’Italia e questa settimana 48° giocatore al mondo).

Da sinistra: il direttore Cosimo Napolitano, Paolo e Yuri Bodo, il delegato provinciale della Fit Claudio Pivotto) (© Foto Lesca)

BIELLA - Dieci anni dopo è di nuovo 100 mila dollari (o, parlando di euro, 86 mila). L’ultima edizione con un montepremi così elevato giocata nel 2006 portò ai Faggi cinque top 100: testa di serie numero uno era Filippo Volandri (numero 56 Atp), seguito dall’argentino Calleri (58), dagli azzurri Potito Starace e Alessio Di Mauro e dal brasiliano Marcos Daniel). Quella che scatterà la prossima settimana (da sabato 23 a lunedì 25 sono previsti gli incontri di qualificazione) ne annovera altrettanti, che diventeranno sei grazie alla wild card assegnata dall’organizzazione a Paolo Lorenzi (numero 2 d’Italia e questa settimana 48° giocatore al mondo).

Diciottesima edizione
Oggi il circolo diretto da Cosimo Napolitano riparte con rinnovato entusiasmo in vista del diciottesimo evento internazionali portato in città. «Il Thindown Challenger è sicuramente uno dei più importanti eventi nel panorama del tennis italiano - racconta l’artefice del tennis internazionale a Biella Napolitano -. Oltre al Master 1000 di Roma il nostro Paese non offre altri appuntamenti nella fascia dell’Atp Tour. A livello di Challenger posso ben dire che siamo nell’elite assoluta. La famiglia Bodo ci ha permesso, insieme agli altri importanti sponsor, di ritornare nel gotha del tennis mondiale».

La particolarità dell'evento
Un torneo che si distingue dagli altri tornei perché l’attenzione principale viene riservata ai giocatori. «Noi non abbiamo un’organizzazione che cerca di proporre eventi collaterali, ma che pone tutte le sue attenzioni sugli atleti presenti in città. Da qui l’ospitalità completa, compresa di pranzi e cene, l’utilizzo di sei palle in campo ad ogni round, un servizio di fisioterapia e medico d’eccellenza e tutto quello che serve per un tennista affinché possa essere concentrato esclusivamente sulla partita e sul suo gioco».

La Federazione ed i grandi nomi
Le wild card della Federazione hanno premiato Gianluigi Quinzi e Gianluca Mager; mentre quelle del circolo andranno a Paolo Lorenzi e al talento di casa Stefano Napolitano. «Sono felice di avere degli ottimi giocatori e soprattutto dei grandissimi tennisti che penso potranno avere futuro molto roseo» conclude Napolitano. I primi favoriti del seeding sono Paul-Henri Mathieu (Fra, 59 Atp), Thomaz Bellucci (Bra, 62), Dusan Lajovic (Srb, 82), Carlos Berlocq (Arg, 95), Karen Khachanov (Rus, 100), Filip Krajinovc (Srb, 108), Marco Cecchinato (130), Daniel Brands (Ger, 131).

La novità
Da venerdì sarà scaricabile una nuova App ‘Thindown Challenger’, presentata nel corso della conferenza stampa, mentre durante il Thindown Challenger saranno presenti il servizio di Live score e di Streaming per non perdere nemmeno un quindici del torneo.