25 maggio 2019
Aggiornato 09:30
Riqualificare in sinergia col territorio

Vecchio ospedale di Biella: un vuoto da colmare. Come?

Nei giorni scorsi nella sede della Camera di commercio di Biella e Vercelli si è tenuto un incontro chiave per la riqualificazione futura dell'immobile che sarà gestita da una società specializzata in sinergia con il territorio.

BIELLA – Il 29 luglio nella sede della Camera di commercio, si è svolto un incontro chiave per quanto riguarda le possibilità di sviluppo future legate all'area del vecchio ospedale. Condivisione è la parola chiave che più sintetizza l’incontro preliminare che ha visto protagonisti Asl, Camera di Commercio di Biella e Vercelli, il Comune di Biella, i diversi rappresentanti delle associazioni di categoria del territorio e l’Atl, agenzia turistica locale di Biella.

Riqualificare in sinergia col territorio
Un tavolo tecnico a cui hanno preso parte anche i vertici di «Sviluppo Genova» S.p.a., società specializzata nella gestione del patrimonio immobiliare e con cui l’Asl BI ha sottoscritto nei giorni scorsi una convenzione. Tale accordo è finalizzato ad avviare una cooperazione per attuare ricerche di mercato e gestire interventi di riqualificazione urbanistica sull’immobile di proprietà dell’Asl. Interventi e progetti che devono essere condivisi dal territorio, anche partendo dalle idee già in cantiere e su cui «Sviluppo Genova» sta già lavorando.

Trovare una destinazione alla struttura
«L’obiettivo – ha detto il direttore generale Gianni Bonelli – è quello di capire cosa sia possibile realizzare con la struttura, individuando eventuali investitori interessati. Prospettive quelle da ipotizzare che devono tutte essere contestualizzate e ancorate alla realtà attuale». Mentre il presidente della camera di commercio di Biella e Vercelli Alessandro Ciccioni spiega: «Il vecchio ospedale rappresenta per la città un vuoto problematico; tanto più vista la sua estrema vicinanza con il centro storico. La scommessa deve essere, dunque, quella di riuscire a recepirne l’unicità e l’importanza per portare avanti una idea concreta e convincente per un possibile investimento». L'Ascolto del territorio è necessario e indispensabile, come ha ribadito anche il presidente e amministratore delegato di «Sviluppo Genova», Franco Floris, che ha voluto ribadire come questa sia proprio la fase in cui accogliere tutte le proposte e idee da parte di chi il territorio lo vive e ne conosce le priorità. «Il vero marchio di Biella – ha aggiunto – è Biella stessa, con la sua storia e le sue vocazioni».

La fase operativa
Dopo questo primo confronto preliminare inizierà una fase operativa. A settembre sarà la stessa Camera di Commercio a coordinare una serie di incontri bilaterali con i diversi rappresentanti del territorio. Il proposito è quello di poter ricevere già in questa fase dagli interlocutori coinvolti ulteriori proposte operative.