25 luglio 2021
Aggiornato 20:00
Immigrazione

L'assessore Salivotti: «Gli stranieri lavoreranno (gratis) per la città»

La prossima settimana, incontro tra giunta comunale ed i gestori delle due strutture (ex Colibrì ed ex sede Polizia stradale) che ospitano persone richiedenti asilo

BIELLA - «I ragazzi ospitati nell'ex hotel Colibrì e nell'ex sede della Polizia stradale lavoreranno a titolo volontario. Lo faranno per la nostra comunità, come segno di riconoscenza per l'accoglienza ricevuta». Lo annuncia l'assessore alle politiche sociali del Comune Francesca Salivotti, con il tono di chi sa di maneggiare materiale (politicamente) incandescente.

Volontariato
«Per la prossima settimana sono previsti incontri con i gestori delle due strutture - aggiunge l'amministratore -. Proporremo immediatamente l'apertura di protocolli per fare lavorare queste persone. Si tratti di lavori rigorosamente a titolo volontario, che non rappresentano per nulla un costo per l'amministrazione. L'obiettivo è dare un'occasione e a queste persone di rendersi utili nei territori dove sono ospitati e, per chi gestisce queste strutture, ricevere un aiuto in termini di organizzazione della giornata».

Bassa manovalanza e lingua
In pratica i cittadini stranieri, in attesa di ricevere o meno l'ok alla domanda di asilo, potranno essere utilizzati per lavori di tinteggiature di cancelli o ringhiere di edifici pubblici o per potare il verde dei giardini della città. Il Comune inoltre collaborerà con gli enti che gestiscono queste strutture anche per avviare corsi di italiano.