23 luglio 2019
Aggiornato 18:30
Basket A2

Angelico-Agrigento, le pagelle di una gara da incorniciare

Tutti positivi i giocatori della Pallacanestro Biella. Il giovane Wheatle si esprime come un titolare e praticamente è il migliore in campo, tenuto conto che è un esordiente

BIELLA - Non una prova perfetta, ma una prestazione importante. Che in attesa di capire i valori del campionato pare mettere qualche certezza non di poco conto: l'Angelico è un'ottima squadra, che in casa farà paura a tutti. Un anno fa, di questi tempi, si piangeva. Oggi ci sono solo buone notizie per i tifosi rossoblù: gli americani restano tra i migliori del campionato, Udom è un acquisto che tanti invidieranno a Carrea, Wheatle è una scommessa già vinta e gli italiani Venuto-De Vico si confermano da prima fascia. Inoltre: Tessitori è un giocatore vero e di alto livello, destinato a fare bene. Cosa volere di più? Per ora l'imperativo è accontentarsi. In primavera, si vedrà. Contro Agrigento, comunque, tutti ampiamente positivi.

FERGUSON (17 PUNTI) VOTO 8. Lo marcano stretto fin dall'inizio (sarà la regola). E infatti sbaglia molti tiri (6/19 finale). Ma il canestro della vittoria e tutto suo. Fuori discussione.

HALL (9 PUNTI) VOTO 8. Tutti i punti li mette a segno nel primo quarto. Ma i 17 rimbalzi danno l'idea del suo spirito. Punto di riferimento per tutti. Peccato per il tecnico preso e qualche forzatura. Ma prestazione comunque eccellente.

MASSONE sv

VENUTO (2 PUNTI) VOTO 7. Tanta difesa, molte cose fatte bene. In attacco non è stato decisivo. Ma la prova è più che sufficiente contro avversari così quotati.

POLLONE L. sv

DE VICO (11 PUNTI) VOTO 8. Le percentuali gli danno torto (3/10). Ma il capitano ha giocato un'ottima prova, con 7 rimbalzi all'attivo in 27 minuti di buona qualità. Da applauso il tuffo per recuperare palla.

UDOM (15 punti) VOTO 8. Muscoli, tecnica, iniziative. Con ottimi riscontri dall'inizio alla fine. Parole di grande umiltà in sala stampa, a fine gara. E' l'acquisto dell'anno in casa Pallacanestro Biella.

POLLONE M. ne

WHEATLE (6 PUNTI) voto 9. Gioca come un titolare. Non a caso, coach Carrea lo premia con quasi 24 minuti di gioco. Difesa e rimbalzi. E soprattutto tanta lotta sui palloni sporchi. Questo ragazzo sì che ha un futuro radioso davanti, non certi sbarbatelli pompati dai procuratori...

RATTALINO ne

TESSITORI (12 PUNTI) voto 7. Parte molto bene, poi un po' si perde nella lotta sotto i tabelloni contro i muscolari di Agrigento, anche per i falli commessi. Le cifre sono tutte per lui. Oltre ai punti (con 5/8) anche 7 rimbalzi.

PASQUALINI sv

CARREA VOTO 8. Dopo i punti persi contro Casale, nel finale, spreme tutti i titolari per chiudere al meglio, come ammette lui stesso in conferenza stampa. Aveva promesso cattiveria agonistica e questo s'è visto. Tanti errori al tiro da parte della squadra, ma in una serata così è inutile insistere sugli aspetti negativi. Conta che la formazione appare unita e in crescita. La vittoria su Agrigento dà il sapore dell'incidente di percorso alla batosta presa contro Reggio Calabria.

De Vico contro la difesa di Agrigento

De Vico contro la difesa di Agrigento (© Stefano Ceretti)