9 dicembre 2019
Aggiornato 10:30
Basket A2

L'Angelico piega Roma e l'ex Corbani (103-90) ed č prima

Vittoria spettacolare per i rossoblł, al Forum. Coach Carrea soddisfatto: «Gli errori nel finale li perdono, questa volta». L'allenatore avversario: «Grazie alla dirigenza. Biella? Vittoria meritata, complimenti».

BIELLA – L'Angelico vince la gara del tiro da tre punti contro Roma e contro l'ex coach Fabio Corbani, premiato dalla società rossoblù ma contestato dai tifosi della curva (fischi e striscione con scritto: traditore). Le statistiche della specialità parlano di un 15 su 28 per Biella e di un 10 su 30 per i capitolini. Ma c'è tanto altro nel successo dei biellesi: più difesa, più rimbalzi, migliori percentuali al tiro e maggiore capacità di alternare tiri dalla lunga distanza e gioco vicino all'area pitturata. E poi un Ferguson formato fenomeno, con 35 punti messi a segno. Terza vittoria casalinga per i rossoblù dunque, che continuano a stupire e, soprattutto, divertire. Monumentale la prova di Ferguson, ma ampiamente positivi tutti i giocatori a disposizione di coach Carrea. Dove possa arrivare questa squadra è, ora, la vera domanda del momento, posto che va verificata la forza del gruppo anche lontano dalle mura amiche. Intanto è prima, seppur in ampia compagnia.

Parla l'ex capo allenatore
«Grazie al club e grazie a Massimo Angelico. Il loro pensiero ad inizio gara mi ha emozionato - ha detto Fabio Corbani -. Complimenti alla squadra biellese. Credo che Biella abbia giocato una partita di grande spessore difensivo. Era pronta su ogni nostra azione. Ci aspettavamo questa solidità, ma non per tutta la gara. Nelle loro altre due partite casalinghe l'avevamo visto. Noi dovevamo muove la palla, per giocare in movimento più uno contro uno. Ma non ci siamo riusciti. E ha prevalso Biella. Siamo comunque rimasti aggrappati alla partita. In difesa spesso eravamo in ritardo, perdendo sicurezza. Non siamo riusciti a prendere il giusto ritmo della gara. Speravamo di farlo nel quarto quarto, pensando di stancarli. Invece Biella è rimasta lucida e ha vinto meritatamente. Faccio i miei complimenti».

Lo staff tecnico dell'Angelico
Francesco Viola ha parlato dell'aspetto tecnico: «Punteggio alto, come da previsione. Lo sapevamo. L'obiettivo non poteva essere far segnare loro 50 punti... L'importante è stato non fermare la palla, continuare a produrre gioco e quindi a segnare con continuità. Ferguson? E' nel suo talento giocare così. E' stato preso per questo». Carrea ha invece detto: «Rispetto alla partita con Casale sono meno arrabbiato per i punti persi nel finale, perché lo sforzo prodotto in questa partita è stato enorme. I ragazzi sono i primi ad esserne consapevoli. C'è tanto da lavorare».

Le parole della stella Hall
In sala stampa, Mike Hall ha scherzato sulla vittoria del suo Milan, per poi dire: «Jazz è il giocatore più forte della lega. Oggi comunque era importante vincere e ci siamo riusciti. Sono molto contento perché tutti hanno dato il loro contributo».