19 novembre 2017
Aggiornato 20:30
Ciclismo

Giro d'Italia a Biella, ecco il tracciato sulle orme del mito Pantani

Appuntamento per il prossimo 20 maggio. Paese per paese, dove passeranno i ciclisti fino all'arrivo ad Oropa. L'Assessore Leone: «Ci sono 21 tappe e 21 arrivi in altrettante città. Noi ci siamo, entrati di diritto nella cerchia ristretta dei luoghi considerati parte della storia di questa corsa».

BIELLA - Sarà una lunga volata attraverso le pianure del Piemonte, per arrivare a giocarsi tutto ai piedi della salita del Santuario: gli organizzatori del Giro d'Italia del centenario hanno immaginato questo copione per la Castellania-Oropa, 14ª tappa della corsa rosa edizione 2017, in programma sabato 20 maggio. Il percorso, dopo la partenza dalla città natale di Fausto Coppi, raggiungerà Vercelli e da qui, attraverso la Trossi, entrerà in provincia di Biella poco dopo il Crocicchio di Carisio. La strada provinciale 230 sarà il lungo rettilineo che il plotone seguirà toccando Villanova Biellese, Massazza, Verrone, sfiorando Sandigliano e Gaglianico e arrivando in città da corso Europa.

Il percorso
Il tracciato a Biella è il più diretto possibile per raggiungere le prime rampe della salita verso Oropa: piazza San Paolo, viale Roma, piazza Adua, viale Macallé, curva a gomito verso via Galimberti, poi via Fecia, via Pietro Micca, piazza Martiri (dove sarà posizionato l'open village che accompagna ogni tappa, a disposizione dei fans fino alle 19), via Cavour e via Ramella Germanin. Da qui si salirà lungo la strada vecchia, attraversando Cossila San Grato così come si passerà dal Favaro per costringere i corridori ad affrontare alcuni dei tratti più duri di una salita che ha picchi fino al 13% di pendenza.

Il punto
Il tracciato è già stato visionato nei giorni scorsi dagli organizzatori, con una delegazione capitanata dal vicedirettore di corsa (e vincitore di quattro tappe quando era ciclista) Stefano Allocchio. «Avevano le idee chiarissime» raccolta l'assessore allo sport Sergio Leone, «forti dell'esperienza recente del 2014. La loro idea è stata disegnare una tappa breve, di 131 chilometri, che si decidesse sull'ultima salita». Leone non nasconde l'orgoglio per l'inserimento di Biella nel tracciato del Giro d'Italia del centenario: «Ci sono 21 tappe e 21 arrivi in altrettante città. Noi ci siamo, entrati di diritto nella cerchia ristretta dei luoghi considerati parte della storia di questa corsa. Ed è un onore anche portare la definizione di 'montagna Pantani', in memoria dell'impresa che Marco Pantani compì nel 1999».