21 ottobre 2018
Aggiornato 11:00

Biella: Droga, sesso e violenza... La notte brava di quattro giovani

In due cercano di prendere materiale da un sexy shop. In auto le due fidanzate. Intervento della Polizia su segnalazione alla centrale operativa.
La droga trovata dagli agenti della Questura di Biella
La droga trovata dagli agenti della Questura di Biella (Questura di Biella)

BIELLA - La notte del 1 novembre, E.M.A., 26enne marocchino residente a Pollone, è stato segnalato alla Prefettura di Biella per detenzione di sostanze stupefacenti per uso personale. Verso le ore 01:30, una Volante della Polizia è intervenuta presso il sexy shop «Bunga Bunga» di via Ivrea, a seguito di una telefonata giunta alla Centrale operativa della locale Questura, in cui veniva segnalata la presenza di due giovani che stavano tentando di forzare la porta di ingresso della videoteca, colpendola con violenza e minacciando il proprietario dell’esercizio commerciale che poco prima, insieme ad altri amici, si era recato in loco per chiuderlo a causa di un guasto tecnico. All’arrivo dei poliziotti, i due soggetti si sono giustificati asserendo di voler acquistare un video pornografico da guardare insieme alle loro fidanzate che, in quel momento, erano a bordo di un’auto parcheggiata di fronte all’attività. 

L'operazione di controllo
Durante il controllo di rito sui soggetti, gli agenti hanno rinvenuto indosso a E.M.A., un involucro di cellophane contenente una modica quantità di cocaina, immediatamente sequestrato. Considerata la quantità dello stupefacente rinvenuto, gli agenti hanno effettuato una perquisizione personale dei due, estesa al veicolo in uso ed alle ragazze che si trovavano a bordo, che ha dato esito negativo. Inoltre, da un controllo documentale delle persone, è emerso che F.S.E., marocchino di 20 anni, in regola con il permesso di soggiorno era sprovvisto di documenti: per quest’ultimo è scattata la denuncia per mancata esibizione di documenti che ne regolano la posizione sul territorio nazionale.