17 novembre 2018
Aggiornato 08:00

Poker Abi Logistics Biella, Colombo: «Ora ci aspettano tre trasferte difficili»

Continua la marcia della squadra Biellese, che supera nella partita casalinga la Lilliput conquistando la quarta vittoria in altrettante giornate e confermandosi alla vetta della classifica insieme a Calizzano, uscita vincente 3-1 dalla gara contro Bodio Lomnago.
SprintVirtus Biella
SprintVirtus Biella (Facebook)

BIELLA - Continua la marcia dell’Abi Logistics, che cala il poker nella partita casalinga contro la Lilliput conquistando la quarta vittoria in altrettante giornate e confermandosi alla vetta della classifica insieme a Calizzano, uscita vincente 3-1 dalla gara contro Bodio Lomnago.

Primo set
La partenza dell’Abi Logistics (schierata in campo con il solito sestetto) è fulminante, grazie anche a un’ottima Morandi. Le nerofucsia aprono il set con un 5-0, arrivano alla pausa tecnica sull’8-1, e costringono l’allenatrice torinese Barbara Medici a chiedere tempo sul 12-2. Il trend non cambia e le padrone di casa arrivano avanti di undici alla seconda pausa tecnica (16-5). Le torinesi provano nuovamente a fermare il gioco sul 18-6, dopo un punto in parallela di Romana Rocci. Sul 21 a 9 entra in campo Michela Bevilacqua per la battuta, seguita da Vecco Garda per Morandi sul 23-11. L’attacco di Rocci chiude il set sul 25-13.   

Secondo set
Il secondo set si apre con un fallo in palleggio delle torinesi, seguito da un ace di capitan Guiotto e da un punto di Romana Rocci per il 3-0 iniziale. Qualche errore di troppo dell’Abi riporta la Lilliput in linea di galleggiamento (8-6), anche se le torinesi faticano a chiudere il gap pur prendendo un po’ più di morale. Dopo un gran punto di Morandi (14-11) la Lilliput ferma il gioco chiamando time out, che però non scompone le nerofucsia che arrivano con cinque punti di vantaggio al secondo time out tecnico. Un fallo in palleggio di Cristina Mariottini e un errore di Irene Zecchini riportano sotto le ospiti (16-14). Coach Colombo prova a scuotere le sue ragazze inserendo Lisa Herrnhof per Laura Capano, ma le biellesi faticano a ritrovare ritmo e Colombo è costretto a fermare il gioco sul 17 pari. Il rientro in campo porta un due a zero di parziale, e questa volta è settimo a chiedere tempo; un time out che produce gli effetti sperati, con le torinesi che agganciano le padrone di casa e le superano (19-20) costringendo coach Colombo a reinserire Capano e a spendere il suo secondo time out (19-21). Le biellesi continuano a commettere errori, permettendo alle torinesi di prendersi il set con un parziale di 1-6 (20-25).

Terzo set
La partenza delle padrone di casa nella terza frazione è ancora una volta convincente, e costringe la Lilliput al primo time out dopo un parziale di apertura di 4-0. Le biellesi sembrano in palla sia in difesa che in attacco come nel primo set e, infatti, gli unici due punti fatti dalle torinesi al primo time out tecnico arrivano da errori in battuta delle nerofucsia. Il divario si allarga ancora e l’allenatrice torinese è costretta a fermare ancora il gioco (12-3) senza però riuscire a fermare l’emorragia che si trascina fino al tempo tecnico (16-3). Il resto del set è una formalità la cui unica annotazione è l’entrata in campo di Piccioni per Guiotto in battuta; finisce con l’errore delle torinesi in attacco sul 25-8.

Quarto set
Il quarto set inizia con un muro di Irene Zecchini, seguito da un errore in battuta di Cristina Mariottini. Le biellesi continuano sulla falsa riga del terzo set, con le torinesi costrette un’altra volta a fermare subito il gioco (7-2). Le nerofucsia però non calano di intensità e dilatano il loro vantaggio fino al 12-4 (quando entra Vecco Garda per il giro dietro di Silvia Morandi) prima di arrivare al time out tecnico avanti di otto lunghezze (16-8). Il divario continua ad allargarsi inesorabilmente (nonostante qualche errore in battuta di troppo). Per gli ultimi punti entrano in campo Herrnhof per Capano, Clara Zecchini per Mariottini e Piccioni per Guiotto; a chiudere è proprio Clara Zecchini con un secondo tocco nell’altro campo per il 25-16 finale.

Colombo: «Ora ci aspettano quattro gare difficili di cui tre in trasferta»
«Nei primi due set non siamo andate bene – spiega al termine della gara coach Alberto Colombo -, abbiamo fatto troppi errori per una squadra di questa categoria. Dopo di che ci siamo messi a giocare. È chiaro con queste squadre non puoi non giocare perché hanno delle potenzialità notevoli e lo si è visto nel secondo set. Ora ci aspettano quattro gare difficili di cui tre in trasferta: Cinisello, Albisola, Parella e Romagnano. Dopo quelle quattro partite avremo un quadro un po’ più chiaro della situazione».

ABI LOGISTICS BIELLA-LILLIPUT SETTIMO - (25-13, 20-25, 25-8, 25-16)
Abi Logistics Biella:
Mariottini, Morandi 15, Guiotto 7, Irene Zecchini 9, Rocci 13, Capano 9, Herrnhof, Bevilacqua, Piccioni, Vecco Garda, Clara Zecchini, libero Baratella 1. N.e. Peruzzo. Allenatore Colombo e D’Ettorre.
Lilliput Pallavolo: Tessari 8, Joly 4, Tonello 9, Crespan 3, Cicchiello 1, Bisio 8, Cecconello 8, Benvenuti, Fano, libero Ghirotto. N.e. Balocco. Allenatore Medici.

Altri risultati:  Memit Senago-Colombo Certosa 3-0, Yamamay Busto Arsizio-Canavese 3-2, Pavic Romagnano-Fordsara Unionvolley 3-0, Calizzano-King Cup Bodio 3-1, Busnago-Albisola 0-3, Parella Torino-Cinisello 3-2.

Classifica: ABI LOGISTICS BIELLA 12, Calizzano 12, Albisola 10, Pavic Romagnano 10, Canavese Volley 9, Cinisello 6, Yamamay 5, Parella Torino 5, Senago 4, Lilliput Pallavolo 3, Fordsara Unionvolley 3, King Cup Bodio 3, Busnago 2, Colombo Certosa 0.