15 dicembre 2018
Aggiornato 11:00

Sciopero in Tribunale, a rischio 200 processi

Da lunedì astensione dal lavoro per i magistrati onorari iscritti al sindacato Federmot

BIELLA - Primo giorno di astensione dal lavoro, lunedì, dei magistrati onorari iscritti al sindacato Federmot, in tutta Italia, e primo giorno di passione anche per il Tribunale di Biella. Sono state infatti 36 le udienze rinviate dal giudice Pietro Brovarone che, insieme alle colleghe Iolanda Villano e Vincenza Puglisi per il penale, e Rita Buccetti e Antonella D'Ettorre per il civile, hanno scelto di incrociare le braccia. In particolare i processi riguardavano casi di: truffa, ricettazione, furto, appropriazione indebita e guida in stato di ebbrezza. Nei prossimi giorni il numero dei procedimenti rinviati tenderà ovviamente a lievitare e potrebbe arrivare a sfiorare i duecento casi. Ovviamente, in queste situazioni, vengono tenute le udienze definite urgenti, ovvero quelle che vedono l'imputato recluso in carcere. Se i magistrati onorari sono tornati a incrociare le braccia è perchè la categoria attende da anni una sistemazione consona, nel pianeta giustizia, che tarda ad arrivare. Cottimisti delle aule, lamentano pochi diritti e una contribuzione scarsa. A Biella sono loro, tanto in Tribunale quanto in Procura, a mandare avanti un servizio sempre più al collasso, malgrado il profondo impegno della presidente Claudia Ramella Trafighet.