18 novembre 2018
Aggiornato 15:00

Caso Seab: domani Silvio Belletti a processo

L'ex amministratore delegato della società che si occupa di smaltimento dei rifiuti deve rispondere di abuso d'ufficio, concussione e violenza privata
Silvio Belletti è stato amministratore delegato di Seab
Silvio Belletti è stato amministratore delegato di Seab (Diario di Biella)

BIELLA - Prende il via domani, giovedì 24 novembre, il processo a carico di Silvio Belletti. L'ex amministratore delegato di Seab, 60 anni, difeso dall'avvocato Andrea Conz, è accusato di abuso di ufficio, concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità e violenza privata. A svolgere le indagini, partite nel 2010 e terminate un anno fa, era stata la Guardia di Finanza. Il quadro emerso, sempre secondo l'accusa, era quello di un dirigente che, approfittando del suo ruolo, avrebbe assunto o fatto lavorare persone in cambio di favori. Ma non basta. Tre donne avrebbero riferito agli inquirenti di essere state vittime di soprusi a sfondo sessuale. Una vicenda contorta quella che approderà domani in aula, dopo che il giudice per le udienze preliminari Claudio Passerini aveva accolto la richiesta di rinvio a giudizio, formulata dalla Procura. Quello che si prospetta, quindi, sarà un processo tutt'altro che semplice con una difesa pronta a dare battaglia. E se oltre trenta sono state le persone sentite, in qualità di soggetti informati sui fatti, questo vuol dire che diversi saranno i testimoni a favore o contro che verranno interrogati nel corso delle udienze. Soltanto domani, quando si aprirà il procedimento, però, si potranno conoscere con certezza i nomi.