22 settembre 2020
Aggiornato 16:00
Sport

Rugby, aggredì arbitro donna: radiato

Il grave episodio è avvenuto a Vicenza, a dicembre. La decisione della Federazione. E la società di Bruno Andres Doglioli accetta la sanzione.

ROMA - L’11 dicembre scorso aggredì, durante un’azione di gioco, un arbitro donna, quella Maria Beatrice Benvenuti che ha rappresentato l’Italia «ovale» all’Olimpiade di Rio, e adesso è stato radiato.

La decisione
La corte d’appello della Federazione italiana rugby ha infatti accolto il ricorso della Procura federale contro la sanzione di 36 mesi di stop a carico di Bruno Andres Doglioli, italo-argentino del Rugby Vicenza, infliggendo al giocatore «la sanzione della radiazione», com’è scritto in una nota della Fir.

Il punto
Subito il giudice sportivo aveva comminato tre anni di squalifica e interdizione da ogni forma di attività federale. E la società Rangers Vicenza aveva detto: «Atto non giustificabile». Ora la scure della radiazione. E il Rugby Vicenza ribadisce anche adesso la sua posizione: non si opporrà né presenterà reclamo dopo la radiazione del suo giocatore Bruno Andres Doglioli. Ad assicurarlo sono stati nella serata i dirigenti del club veneto. «Accettiamo la decisione della corte d’appello della Fir - precisa Davide Benedetti, componente del consiglio direttivo del Rugby Vicenza e responsabile della comunicazione - non faremo nessun ricorso. Fin da subito avevamo precisato che questa sarebbe stata la nostra decisione, anche perchè abbiamo piena fiducia e rispetto degli organi federali».