28 giugno 2017
Aggiornato 12:30
Costume

Dopo «Il Biellese» arriva «L'italiano». Francesco Pogni finalista del concorso per barman

Una nuova importante esperienza per il titolare del Walhalla di Biella sempre alla ricerca di nuovi stimoli per migliorare nel proprio lavoro

BIELLA – Non è la prima esperienza positiva per Francesco Pogni, titolare del locale biellese Walhalla che trova sempre il modo di stupire i suoi concittadini. Il barman ha partecipato negli scorsi giorni alla gara di cocktail «Arazzo» di A.B.I professionals, l’associazione nazionale barman, presso l’Eco Boutique & Design Hotel MO.OM di Olgiate Olona (Varese) aperto a tutti professionisti e gestori di locali delle diversi regioni italiane. Pogni si è classificato settimo su 37 partecipanti a soli 3 punti dal primo classificato creando il cocktail «L'italiano».

Una competizione stimolante
Per preparare il suo cocktail semplice ma d'effetto, il barman biellese ha utilizzato vermouth, bitter, foglie di menta, top di chinotto e crustas di cioccolato. «La difficoltà, la particolarità ma anche il divertimento di questa competizione consisteva nel creare un drink sul momento utilizzando i prodotti di varie aziende sponsor che venivano proposti in un tavolo poco prima dell'inizio gara - scrive Francesco Pogni su Facebook - bisognava quindi creare una ricetta, specificando gli ingredienti, le quantità, il metodo di preparazione, le decorazioni usate e la percentuale di alcool presente nel cocktail. Felice e contento per la bella esperienza fatta mi impegnerò nelle prossime competizioni a dare sempre il massimo, ma sempre vivendola con lo stesso spirito di semplicità e con voglia di conoscere persone che con la stessa mia passione portano avanti e credono in questo bellissimo lavoro».

Non è il primo successo
Nei mesi scorsi Francesco Pogni aveva raggiunto le semifinali del Campari Academy con il cocktail «Il Biellese» che è subito diventato un must del suo locale, il Walhalla dove è proposto con alcuni dei prodotti tipici del nostro territorio il biscotto di pasta di meliga e uno spiedino del nostro formaggio. Bellissime anche le immagini che il barman ha utilizzato per proporre la sua creazione: sullo sfondo infatti, i luoghi tipici del nostro Biellese territorio che il barman ama e proprio per questo è sempre in prima linea quando si tratta di lavorare per valorizzarlo: «Cerco da tempo di portare avanti le collaborazioni sul territorio. Quest'anno insieme ad altri gestori di locali biellesi ci impegneremo per dare un bel segnale alla città creando sempre più belle e vive occasioni ed eventi».