24 agosto 2017
Aggiornato 08:30
Cronaca

Tragedia della Jolly Nero, comandante condannato: morì marinaio biellese

Nella tragedia al porto di Genova del 2013, perse la vita anche Davide Morella (33 anni) conosciuto e stimato come tutta la sua famiglia, di Candelo

Il disastro al porto di Genova (© ANSA)

BIELLA - Il giudice del Tribunale di Genova Silvia Carpanini ha condannato il comandante della Jolly Nero Roberto Paoloni a 10 anni 4 mesi per la strage della Torre Piloti del 2013 nel porto di Genova. Nella tragedia morì anche il marinaio biellese Davide Morella, 33 anni, conosciuto e stimato in città e non solo, come tutta la sua famiglia che risiede a Candelo.

La sentenza
Il giudice ha condannato anche il pilota del porto di Genova Antonio Anfossi a 4 anni e due mesi, il primo ufficiale Lorenzo Repetto a 8 anni e 6 mesi e il direttore di macchina Franco Giammoro a 7 anni di reclusione. Nel porto di Genova il 7 luglio 2013 il cargo Jolly Nero di proprietà della Compagnia Ignazio Messina urtò, abbattendola, la struttura affacciata su Molo Giano provocando 9 morti e 4 feriti.

La rabbia
«Assassini, assassini. Avete ammazzato 9 persone, non finisce qui». Lo hanno gridato in aula, subito dopo la lettura della sentenza per il crollo della Torre Piloti del porto di Genova i familiari di alcune vittime. Le accuse dei parenti delle vittime era rivolto in modo particolare al comandante della Jolly Nero, Roberto Paoloni, condannato a 10 anni e 4 mesi: il marittimo, presente in aula, si è allontanato inseguito dai familiari trattenuti dai loro avvocati. Durante la requisitoria il pm aveva chiesto per il comandante 20 anni e 7 mesi.

   

Il marinaio, morto nell'incidente

Il marinaio, morto nell'incidente (© Davide Morella)