29 giugno 2017
Aggiornato 09:00
Sport

«Non usate le maglie del Biella Rugby per fare politica contro gli avversari»

Una società torinese aveva ricevuto indumenti dal club del presidente Musso. Nei giorni scorsi il rifiuto di giocare contro una squadra che ha sede nella base Nato di Sigonella. Il club gialloverde prende le distanze da un caso che sta facendo discutere a livello nazionale

A sinistra le giocatrici biellesi, a destra le torinesi con le vecchie divise del Biella Rugby (© Dynamo Dora Rugby)

BIELLA - Rugby e politica. Una società torinese, infatti, ha rifiutato la partecipazione ad un evento sportivo, perché la richiesta arrivava da una formazione di rappresentanza di una base Nato. Ecco il comunicato diffuso, che spiega la posizione: «Negli ultimi giorni ci siamo trovati al centro di un’aspra polemica legata alla nostra Festa del Rugby Popolare. Pochi giorni fa abbiamo infatti ricevuto la richiesta di una squadra femminile, la Sigonella Hoplite Rugby Club, che ci chiedeva di poter partecipare al torneo da noi organizzato. Incuriositi dal nome insolito, è stato facile scoprire che si trattava di una rappresentanza sportiva della base militare Nato di Sigonella, in Sicilia. Non abbiamo avuto alcun dubbio nel rispondere e abbiamo ribadito con poche frasi, scanzonate ma decise, l’incompatibilità dell’evento con soldati, militari e guerrafondai di ogni genere». Questo il testo iniziale del comunicato stampa della società Dynamo Dora Rugby.
 

Biella Rugby
Di seguito invece il comunicato stampa diffuso dal Biella Rugby: «In queste ore, a margine di un torneo seven organizzato da Dynamo Dora Rugby, si sta diffondendo una sgradevole polemica a sfondo politico. Qualche anno addietro, tre dei nostri ragazzi a seguito del loro trasferimento a Torino per motivi di studio, hanno deciso con altre persone di partecipare alla fondazione di una nuova società di rugby: la Dynamo Dora. Ai tempi, chiesero al Biella Rugby di poter avere in regalo le divise da gioco non più in uso. A titolo di amicizia e comprendendo le difficoltà di una squadra all’inizio della propria attività, Brc aveva assecondato la richiesta donando il materiale tecnico richiesto. Biella Rugby prende ovviamente le distanze dalla diatriba politica che sta attraversando il web in quanto non ci riguarda e soprattutto nulla ha a che fare con il rugby e i suoi valori nei quali Brc crede fortemente. Con la presente chiediamo cortesemente, ma fermamente a Dynamo Dora Rugby di non utilizzare più alcun indumento da gioco con il logo Biella Rugby o altri loghi che possano ricondurre alla nostra società. Invitiamo con piacere le ragazze del Sigonella Hoplite Rugby a Biella per un incontro amichevole».