21 ottobre 2017
Aggiornato 16:00
Cronaca dal Biellese

Ubriaco in un bar minaccia tutti con roncola e pistola

Pregiudicato di 45 anni, a Curino, si mette nei guai con la legge. Poi finisce in ospedale dopo aver minacciato il suicidio. Provvidenziale intervento dei carabinieri per evitare il peggio

Il materiale sequestrato dai carabinieri (© Carabinieri Biella)

BIELLA - Ha rischiato grosso, ieri, un uomo di 45 anni, residente nel Basso Biellese, ma di fatto conosciuto un po' in tutto il Cossatese, dove staziona abitualmente. Nel bar Giardino di canton Chierro a Curino, infatti, l'uomo, dopo aver alzato troppo il gomito, si è messo a minacciare altri avventori e a dare in escandescenza. Dopo l'ennesima aggressione verbale, con tanto di una pistola e di una roncola, sono stati chiamati i carabinieri attraverso il servizio del pronto intervento del 112; sul posto sono quindi arrivati gli uomini in divisa provenienti dalla stazione di Masserano. E pure per i carabinieri non è stato facile riportare alla ragione l'uomo, che ha qualche precedente penale per reati contro la persona ed il patrimonio.

L'epilogo
Ad un certo punto l'uomo ha anche minacciato di farla finita, motivo per cui i carabinieri hanno chiamato un'unità del servizio del "118». Alla fine la vicenda s'è conclusa con la denuncia dell'uomo per la pistola (rivelatasi una scaccia cani modificata), la roncola e un coltello: tutto materiale sequestrato; l'uomo è stato quindi portato in ospedale per le cure del caso viste le sue condizioni, in accordo con il magistrato di turno cui i carabinieri hanno segnalato i fatti.