19 agosto 2017
Aggiornato 15:00
Omicidio Erika Preti

Delitto di San Teodoro: si aggrava la posizione di Fricano

All'interno della casa ritrovati un orologio di valore e soldi contanti. Esclusa quindi l'ipotesi di un furto. Sabato i funerali a Prolungo di Erika Preti (cremata)

Una delle tante immagini che immortalano la coppia nei momenti felici (© Fricano)

BIELLA - Si aggrava di giorno in giorno la posizione di Dimitri Fricano, il 30enne biellese accusato d'aver ucciso la fidanzata Erika Preti nella casa di San Teodoro, in Sardegna, dove trascorreva con lei una breve vacanza a casa di amici. Il ragazzo da domenica scorsa continua a sostenere la sua versione dei fatti, ovvero quella di un'aggressione a scopo di rapina degenerata nel delitto. A smentirlo però, secondo quanto riportano le cronache sarde, il ritrovamento del suo orologio, un Rolex, e dei soldi, contanti, circa 500 euro, all'interno dell'abitazione. Pertanto gli inquirenti escludono che la coppia sia rimasta vittima di uno o più ladri, e propendono per un delitto sfociato al culmine di un litigio. Un litigio che assomiglia a un temporale estivo, violento e inaspettato, visto che la coppia, a detta degli amici, andava d'accordo e nessuno avrebbe mai assistito a screzi plateali.

Funerale
Intanto ieri, mercoledì 14 giugno, la salma di Erika Preti è stata cremata. I genitori hanno rispettato la volontà, più volte manifestata, della figlia, ed entro oggi dovrebbero già fare rientro in Piemonte. Le esequie potrebbero svolgersi quindi domani o sabato nella chiesa parrocchiale di Pralungo.