24 luglio 2019
Aggiornato 11:00
Carabinieri

Biella, bloccati due pregiudicati sudamericani

L'ipotesi degli investigatori è che si trovassero in città per mette a segno un colpo in una gioielleria. Le Forze dell'Ordine sono sulle tratte di due probabili complici.

BIELLA - Forse si trovavano in città per mettere a segno un colpo in una gioielleria i due pregiudicati sudamericani bloccati ieri, mercoledì 28 giugno dai carabinieri nella centralissima via Italia. Si tratta di una donna originaria di Cuba, di 23 anni, e di un 31enne del Guatemala, entrambi senza fissa dimora. La prima è stata accompagnata in un centro di prima accoglienza a Roma, dove attenderà di essere rimpatriata, mentre il secondo ha sette giorni di tempo per lasciare l'Italia.

I FATTI - A notare i due, nei pressi di una gioielleria, erano stati i carabinieri del Nucleo investigativo. Bloccati e controllati, hanno raccontato di essere arrivati in treno da Milano per acquistare un paio di orecchini. Una scusa poco plausibile, anche perchè dagli accertamenti sono emersi precedenti che li vedevano coinvolti in furti messi a segno proprio in alcune gioiellerie. Adesso il lavoro degli investigatori prosegue per identificare l'altra coppia che si trovava insieme ai sudamericani fermati e che si è velocemente dileguata, facendo perdere le proprie tracce. Il modus operandi di questi ladri è semplice. Entrano nei negozi una coppia alla volta e mentre una finge di scegliere un oggetto di valore, l'altra distrae il commesso. In questo modo solitamente riescono a mettere a segno colpi per svariate migliaia di euro.