24 luglio 2019
Aggiornato 11:00
Carabinieri

Brusnengo, cercano di comprare un camper con documenti falsi: denunciati

I fatti sono avvenuti a Brusnengo, dove i titolari di una rivendita si sono insospettiti e hanno contatto le forze dell'ordine. Denuncia per droga in Valle Elvo.

BIELLA - Si presentano in una ditta di Brusnengo e cercano di acquistare un camper, da 30 mila euro, mostrando dei documenti contraffatti. A finire nei guai, ora denunciati dai carabinieri per la tentata truffa, sono stati due cuneesi, un uomo di 46 anni e una donna di 51, entrambi con precedenti per reati specifici.

I FATTI - La coppia, nei giorni scorsi, aveva raggiunto il Biellese ed era entrata nell'azienda, che si occupa della vendita di veicoli per il tempo libero. Parlato con titolare, aveva scelto un camper e deciso di pagare facendosi erogare un finanziamento. A tale scopo, aveva mostrato patenti e codici fiscali, per poi andarsene con l'intento di tornare qualche giorno dopo a formalizzare l'acquisto. Il venditore, però, si era insospettito e si era rivolto ai carabinieri. Un veloce accertamento aveva permesso di scoprire che i documenti mostrati erano contraffatti e che i due cuneesi erano vecchie conoscenze delle forze dell'ordine. Così quando i due sono tornati a Brusnengo, ad attenderli hanno trovato i militari dell'Arma, che li hanno identificati, posto sotto sequestro permessi di guida e quant'altro, e li hanno denunciati.

DROGA - Denunciato dai carabinieri anche un 25enne residente in Valle Elvo, questa volta per detenzione ai fini di spaccio. Nell'abitazione che divideva con un amico, gli investigatori, al termine di una rapida indagine, hanno ritrovato sette dosi di marijuana.