19 ottobre 2017
Aggiornato 09:00
Tessile

Ideabiella, espositori fiduciosi sulle reazioni del mercato

I tessutai biellesi a Milano Unica dal'11 al 13 luglio. Il presidente Ercole Botto Poala: «L’andamento dei primi mesi del 2017 ci rende ottimisti sulla possibilità di inanellare un quarto anno positivo».

Alessandro Barberis Canonico a Ideabiella (© Ufficio Stampa Uib)

MILANO – I 74 espositori, Biellesi e non, che fanno capo ad Ideabiella, accolgono la sfida dell’anticipo di date e si presentano con ottimismo e fiducia all’edizione numero 78 di Milano Unica, che si terrà da domani a giovedì 13 a Fieramilano Rho.

I biellesi affrontano con ottimismo la sfida dell’anticipo di date
I fili della tradizione, che contraddistinguono i 59 brand italiani e i 15 stranieri rappresentanti dei filati pettinati più prestigiosi al mondo, in questa particolare sessione del salone milanese si tingono d’aspettativa. Lo sottolinea Ercole Botto Poala, presidente di Ideabiella: «Abbiamo accettato la sfida dell’anticipo di date, lo sforzo organizzativo, per arrivare pronti all’appuntamento con il meglio delle nostre collezioni è stato importante, ma, credo, che anche in questa occasione, abbiamo saputo interpretare correttamente e pioneristicamente i cambiamenti. Ora guardiamo con fiducia alla prova del mercato, l’andamento dei primi mesi del 2017 ci rende ottimisti sulla possibilità di inanellare un quarto anno positivo».

Si consolida il trend positivo delle lane pettinate
Nonostante il recente innalzamento del costo della lana, che nell’ultimo anno è andato dal +15% per quelle meno fini al +35% per le più pregiate, il primo semestre dell’anno ha confermato il trend positivo che contraddistingue il settore ormai da un triennio. Sulla base delle rilevazioni ISTAT, le lane pettinate nel I trimestre 2017 hanno fatto segnare una crescita delle esportazioni del +10,5% a fronte di un calo delle importazioni del -6,4%. Dato che confermerebbe anche la tendenza al ritorno in patria di produzioni che erano state trasferite all’estero. «Una performance che va sicuramente letta come un ampliamento di quote di mercato in conseguenza di un positivo apprezzamento dei tessuti di lana made in Italy a livello internazionale - afferma Botto Poala, ed aggiunge – Inoltre mi auguro che le previsioni di crescita dell’economia mondiale, a partire da quella in rialzo dell’Unione Europea, nonostante le turbolenze geopolitiche, si ripercuotano positivamente su tutto il comparto».

A Milano Unica tessuti, accessori ed eventi collaterali
Accanto ai tessuti classici/evegreen di Ideabiella, Milano Unica propone come d’uso Shirt Avenue, Moda In Fabrics e Moda In Accessori. Numerosi gli appuntamenti finalizzati ad arricchire il soggiorno in fiera dei visitatori. Dalla manifattura di alta gamma - con la presenza, per la volta, di Origin Passion and Beliefs - al dialogo internazionale con gli ormai tradizionali Osservatori Giappone e Corea, dalle new entries, come i disegnatori tessili, alla stampa fashion, ai libri e modelli di tendenza, dalle postazioni dedicate ai giovani con Polimi e comON, agli stilisti di The Fabric Program (in collaborazione con CFDA, la camera moda Usa). Da tenere d’occhio l’Area Tendenze e l’evento Milano Unica ON Tour, dedicato alla creatività italiana e al know how tessile, con un focus sui colori ed i profumi della Campania.