14 novembre 2018
Aggiornato 07:30

Argento per l'Italia al torneo Thindown Senior Over 75

Disputato lo scorso fine settimana ai Faggi. Vincono la medaglia d'oro i senior dell'Austria. Medaglia di bronzo alla Francia. Alla premiazione il campione Pietrangeli :«Queste giornate raccontano da sole di come il tennis si possa giocare a tutte le età»
Paolo Bodo ed il figlio Yuri
Paolo Bodo ed il figlio Yuri (Diario di Biella)

BIELLA - L’Austria di un imbattibile Peter Pokorny si aggiudica il Master Thindown, quadrangolare Over 75 disputato ai Faggi. L’Italia ci ha provato fino alla fine, è anche andata in vantaggio grazie al successo nel primo singolare raccolto da Paolo Bodo (6-0, 6-2 a Gert Pokorny), ma Pokorny, da vent’anni indiscusso campione in tutte le fasce d’età in cui ha giocato, ha prima raddrizzato le sorti della sfida, superando Vittorio Monaco per 6-2, 6-4 e poi, ben coadiuvato da Gunter Heine, ha portato il suo paese in trionfo grazie al 6-4, 7-6 centrato nel doppio decisivo. Paolo Bodo e Giorgio Rohrich ci hanno provato a sovvertire il pronostico e nel tie- break hanno anche avuto due set point, ma alla fine si sono dovuti arrendere.

TENNIS SENIOR - «Mi sembra che la manifestazione abbia riscosso un notevole successo e potrà essere ripetuta – dice l’ideatore e sponsor dell’evento Paolo Bodo - Ha il pregio di accomunare giocatori di diverse nazioni, che si ritrovano e fanno vedere qual è la realtà del tennis Senior, una realtà che propone centinaia di tornei in giro per il mondo. Questi atleti si preparano in maniera molto seria, alcuni in modo quasi professionale, ma lo spirito è lo stesso ed è la dimostrazione di come il tennis possa regalare emozioni a ogni età. La fatica, ve lo posso garantire, è tanta, ma alla fine siamo soddisfatti».

LA FINALE - E sul risultato finale Bodo conclude: «C’è spiaciuto non poter alzare la coppa. All’inizio c’era un po’ di tensione, anche perché affrontavamo una coppia molto forte,che ha vinto i campionati del Mondo. Heine sembra non avere i colpi del suo più celebrato compagno (Peter Pokorny, sei match in tre giorni, altrettante vittorie tra singolo e doppio), ma sbaglia poco o nulla. Dopo un inizio un po’ stentato, alcuni colpi sfortunati ci hanno tagliato le gambe e nel finale del secondo set siamo usciti meglio. Un net nel tie-break e un paio di errori ci sono costati cari. I giocatori hanno apprezzato molto questo torneo e c’è già stata una richiesta dalla Germania per organizzare il prossimo anno l’evento. Adesso voltiamo pagina e ci prepariamo per il grande Thindown Challenger che scatterà tra due settimane».

IL BRONZO - Nella sfida per il terzo e quarto posto la Francia di capitan Michel Leclerq non ha lasciato scampo ai rivali, imponendosi per 3-0.

IL CAMPIONE PIETRANGELI - Grande mattatore delle premiazioni è stato l’indimenticato campione Nicola Pietrangeli, che non veniva a Biella dal 1968, quando con l’Italia vinse per 5-0 il match di Coppa Davis disputato contro il Principato di Monaco. «Davvero sono passati così tanti anni? – ha scherzato Nicola -. Credo che il Master Over 75 Thindown, con i grandi atleti che ha radunato, come Leclerq e Pokorny, rappresenti in pieno l’idea che a tennis si può giocare a tutte le età. Questi atleti in più sono ancora molto bravi e questa manifestazione ha reso loro onore».