22 agosto 2017
Aggiornato 22:30
Biella

Lega Nord fa scuola: «Penso, conosco, creo»

Si è svolto lunedì sera l'open day della scuola di formazione politica seguito da Armando Siri. Presenti 50 persone e molti ospiti. La scuola di formazione si terrà a Milano dal 15 ottobre 2017 all'11 marzo 2018

I presenti all'open day di lunedì scorso (© Lega Nord Biella)

BIELLA - Lunedì sera nella sede di Lega Nord Biella erano presenti oltre 50 persone per partecipare all’open day della scuola di formazione politica della Lega Nord, seguita da Armando Siri, ideologo italiano della flat tax al 15% e consigliere economico di Matteo Salvini.

INTERVENTI - Sono intervenuti nel corso della serata il segretario provinciale di Lega Nord Michele Mosca, l’On. Roberto Simonetti e il segretario nazionale Lega Nord Piemonte Riccardo Molinari a trarre le conclusioni. Siri ha parlato per oltre un’ora, spiegando il programma e in cosa consiste la scuola di formazione politica, che si terrà a Milano dal 15 ottobre 2017 all’11 marzo 2018, oltre alla missione della stessa.

SIRI - «La politica non si fa sul divano davanti alla TV e soprattutto la politica non la fanno solo i politici. Tutti dobbiamo impegnarci attivamente ad ogni livello nella nostra comunità con progetti, proposte e mettendoci in gioco in prima persona. Conoscere come funziona lo Stato, quali siano le sue origini, quale potrebbe essere la sua evoluzione non è puro manierismo intellettuale, ma è indispensabile per poter scegliere se crediamo che lo Stato sia un modello da difendere e migliorare, oppure se lo vogliamo definitivamente mandare in soffitta sostituendolo con un comitato di multinazionali. Conoscere quali siano le funzioni delle Istituzioni e come la politica possa effettivamente incidere su di esse è necessario per decidere se vogliamo dare più forza alla politica, cioè a noi stessi, o affidare invece le nostre sorti alla burocrazia e all’apparato. - continua Armando Siri - Conoscere come funziona la politica monetaria, il sistema fiscale e quali siano gli obiettivi e le finalità dell’Europa unita, ci consentirebbe di essere meno influenzati dagli slogan di buonismo a buon mercato ed essere più consapevoli dei reali limiti o possibilità che questo progetto offre al nostro benessere non solo materiale, ma anche emotivo, mentale e spirituale, il quale dovrebbe essere il supremo obiettivo di qualunque Istituzione.»

SLOGAN - Penso, conosco, creo sono le tre parole chiave della nostra scuola politica, che vede tra gli ospiti Luciano Barra Caracciolo, Nicola Piepoli, Stefano Bruno Galli, Giovanni Orsina, Claudio Borghi.