20 ottobre 2017
Aggiornato 10:30
Sanità

Vaccinazioni: avviate le attività dell'ASL BI per applicare il decreto

Entro l’estate la spedizione di tutte le lettere di invito. Coinvolti i bambini e ragazzi non in regola con le vaccinazioni.

Parte il piano di vaccinazioni obbligatorie per l'iscrizione dei bambini a scuola (© Diario di Biella)

BIELLA - Sono già partite le attività dell’Asl di Biella per rispettare le indicazioni contenute nel decreto del 7 giugno 2017 n. 73 sulla prevenzione vaccinale e nella successiva circolare emanata dalla regione Piemonte. Come è noto il vaccino diventa obbligatorio per l’iscrizione dei bambini a scuola.
Entro il 31 luglio il Servigio di Igiene e Sanità Pubblica dell’Asl BI, diretto dalla dott. ssa Nadia Agostino, manderà le lettere di invito a tutte le famiglie dei bimbi che frequentano nidi e materne e che non sono in regola con le vaccinazioni. Il secondo step è fissato per il 31 agosto, termine entro il quale saranno invece spediti gli inviti per i bambini e ragazzi delle elementari, medie e superiori fino a 16 anni compiuti. I genitori riceveranno due lettere insieme: la prima è una lettera di invito con l’indicazione del giorno ora e luogo in cui presentarsi per la vaccinazione; la seconda – che ricorda nuovamente il giorno prefissato per la vaccinazione –   è la lettera che i genitori dovranno firmare per esprimere la volontà di aderire all’invito dell’Asl. Quest’ultima dovrà essere consegnata agli istituti scolastici per l’iscrizione entro il 10 settembre.  Saranno poi le scuole a trasmettere entro il 30 settembre tutte le lettere di accettazione firmate all’Asl di Biella. 

DOVE RECARSI - Quattro le sedi dell’ASL BI dove saranno effettuate le vaccinazioni: Biella, Cossato, Mongrando e Cavaglià.  Un team, quello del SISP, che è stato potenziato anche sul piano delle risorse umane per favorire una copertura tempestiva, ampia e capillare sul territorio, garantendo anche un servizio più agevole per le famiglie.
Attivo anche il numero verde regionale 800.333.444 per fornire indicazioni a chi ne avesse bisogno. Ricordiamo, inoltre, che vi saranno mamme e papà che non riceveranno alcuna comunicazione: in questo caso significa che il bambino è già in regola con le vaccinazioni.